in News

ARTE E TECNOLOGIA: ARTE ITALIANA CONTEMPORANEA

Di Pubblicato Marzo 02, 2018
A Qingdao, tra settembre e ottobre scorsi, presso il Museo di Lan Wan, è stata allestita l'esposizione "Arte e Tecnologia: Arte Italiana Contemporanea".
L'organizzazione e la curatela della mostra sono state rispettivamente di Qiu Yi e Riccardo Farinelli, dell'"Associazione arte e cultura contemporanea Cina e Italia".
L'esposizione ha visto opere di 

Alessandro Amaducci, 

Silvia Levenson, 

Carlo Isola, 

Luca Matti, 

Marco Neri, 

Massimo Orsini, 

Marco Raffaele, 

Angelo Sarleti, 

Giovanni Termini e 

Vincenzo Ventimiglia.
 
Arte e tecnologia 1
 
L’esposizione ha voluto tener presente e magari evidenziare, quanto è pure da sempre conosciuto e visibile : il rapporto interessato e curioso del mondo dell’arte nei riguardi della tecnologia. La scelta di un ventaglio di artisti del presente che potessero rappresentare quel sentire ne è stata la conseguenza, evitando in questo monografie di scuola o di indirizzo. L’obiettivo era anche quello di proporre alcune informazioni sull’arte italiana considerando che questa, pur nota in Cina e nel mondo, può non essere conosciuta nei suoi schemi culturali. Una delle preoccupazioni era quella di non avvalorare l’opinione comune che fare arte contemporanea potesse significare un taglio netto con la storia,  sentimento che pare diffuso, non solo in Cina, per via proprio della evoluzione rapida della tecnologia nell’ultimo secolo. 
 
Arte e tecnologia 2
 
Così sono stati invitati, nel gruppo dei dieci, tre artisti (Matti, Neri, Sarleti) che utilizzano la pittura, ovvero colore steso a pennello su un supporto di tela. Ma il modo visibilmente diverso di ciascuno dei tre nel declinarla, concorre a rendere prismatica la visione dell’azione “fare arte”, che mi pare abbia il suo culmine di diversità, da un punto di vista dei materiali e delle tecnologie che alle opere si connettono, sia nelle video-installazioni di Amaducci e Isola che nella installazione site specific di Termini, per la quale l’artista ha utilizzato vecchi moduli in ferro verniciato utilizzati in edilizia e trovati sul posto. Nel mezzo fra questi due estremi stanno i lavori di Levenson, Raffaele, Orsini e Ventimiglia, che hanno consentito di inanellare un percorso espositivo coerente pur nelle diversità formali evidenti (ed anche cercate e volute), restituendo così una idea di compattezza e di unitarietà complessiva, attraverso la quale fosse in filigrana visibile la comune radice culturale italiana.
 
Arte e tecnologia 3
 
INAUGURAZIONE

La cerimonia di inaugurazione si è svolta sotto un sole cocente nello spazio prospiciente l’ingresso al museo, alla presenza delle autorità e di tutti gli artisti partecipanti alla mostra.

INCONTRI CON IL PUBBLICO:
- Lezione e visita alla esposizione
- Workshop
- dolcetto della Luna

Gli incontri con il pubblico, la loro articolazione, non son stati, nell’intenzione come nei fatti, atti formali ma vere occasioni di scambio, avendo l’arte come veicolo potente e suggestivo. Considerando la reciproca difficoltà nello scambio verbale, la parte parlata, nonostante la presenza di un traduttore, è stata ridotta al minimo a vantaggio delle immagini d’arte e delle azioni fattuali, dove l’esempio operativo sopperiva benissimo alla difficile comunicazione verbale.

Arte e tecnologia 4

VISITA GUIDATA E LEZIONE:
ARTE ITALIANA TRA PASSATO E PRESENTE

La lezione, aiutata dalla proiezione di una piccola serie di slide, ha inteso introdurre con semplicità ad alcuni temi-base dell’arte italiana mostrando come un linguaggio iconico condiviso può essere declinato in molte varianti grazie al contributo delle singole individualità e della mutata sensibilità nei diversi contesi storici. Obiettivo questo perseguito, nella coscienza della difficoltà linguistica, con esempi di opere fra loro temporalmente molto distanti. Aiutando così la comprensione delle opere in mostra nella seguente visita all’intera esposizione.
i tre temi-guida:
- lo spazio (annunciazione, Beato Angelico, 1450; mistero e malinconia di una strada, De Chirico, 1914)
- opera come figura (prigione Atlante, Michelangelo, 1519/’36; sacchi, Burri, 1953)
- figura in movimento (cavaliere, cavallo e caseggiato, Boccioni, 1913; Primavera, Botticelli, 1482).

Arte e tecnologia 5

WORKSHOP

Luca Matti
Nell’incontro operativo con il pubblico cinese, sostituendo i colori ad olio, suo abituale medium, con l’inchiostro di china, Luca, facendo prima un esempio, ha stimolato la creazione di una città contemporanea composta da alti palazzi, in linea con le opere presenti in mostra, eseguita su ventagli di carta.

Carlo Isola
Facendo riferimento alle tecniche video, delle quali da anni è uno sperimentatore attento, Carlo ha presentato al computer alcuni semplici programmi grazie ai quali ha di seguito dimostrato come sia possibile anche per i bambini creare animazioni, realizzando alcuni semplici disegni animati.

Massimo Orsini
Per evidenziare come il disegnare o il dipingere non sia, nella sostanza, una azione meccanica legata unicamente allo sguardo, il pubblico è stato bendato e successivamente invitato da Massimo a tracciare al buio alcuni segni su cartoline appositamente predisposte dall’artista.

Marco Raffaele
Sull’esempio dell’artista, i partecipanti hanno marcato a rilievo la cartolina di un paesaggio virtuale con una monetina prima colorata a pennarello e poi premuta sulla cartolina. Un modo per segnalare la presenza dell’individuo nel rielaborare i dati della realtà esterna.

Arte e tecnologia 6

I DOLCETTI DELLA LUNA
L’incontro tra artisti, organizzatori e pubblico ha avuto un piacevole momento finale nell’invito da parte delle famiglie a partecipare alla produzione dei dolcetti per la festa augurale della Luna, che tradizionalmente si festeggia in Cina.
Così come negli workshop e nella lezione artisti e curatore hanno dato imput informativi sulla mostra e sull’arte italiana, le famiglie e particolarmente i bambini, hanno istruito sul “come si fa” a fare i dolcetti della Luna, che poi sono stati chiusi in scatole di cartone divise all’interno in comparti.

Arte e tecnologia 7

Letto 4659 volte Ultima modifica il Giovedì, 01 Marzo 2018 11:20

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android