"Provare" la morte attraverso la realtà virtuale, a Pechino è possibile

Di Lei Jun Pubblicato Marzo 30, 2018

Nelle scorse settimane c'è stato un grande evento a Pechino.

Durante uno show a porte aperte è stata simulata, in modo virtuale (grazie a Dio), l'esperienza di morte. Un articolo a riguardo è stato pubblicato anche da Beijing News.
Ci sono ancora dei dubbi sul perchè qualcuno debba sperimentare la morte quando ancora non è giunto il suo "momento".

I visitatori, grazie ai caschi Vr hanno potuto sperimentare diversi scenari, ad esempio un salvataggio finito male di un paramedico e l'ingresso dell'aldilà. Uno degli organizzatori dell'evento e anche impiegato di una ditta di pompe funebri DongZiyi ha spiegato ai media locali che l'esperienza immersiva "consente alle persone di apprezzare di più la vita".

Eppure gli effetti di questo show di realtà virtuale hanno suscitato molti pareri contrastanti sul web.
alcuni ha scritto "Camminare di notte all'interno di una agenzia di pompe funebri credo che renda molto meglio il senso di morte"
"terrificante, i criminali dovrebbero sperimentare questo modo per dare più valore alla vita.

Ad avere avuto questa idea è Babaoshan Funeral Parlor un'agenzia fondata ben più 60 anni fa, ma è sempre rimasta aggiornata alle nuove tecnologie. Per esempio la struttura utilizza già da molto tempo i codici QR univoci per prevenire l'errata identificazione dei cadaveri e sempre l'anno scorso hanno introdotto l'uso di una stampa 3D per "riparare" i volti che magari hanno subito dei traumi e per ultimo utilizzano un robot che si chiama Kino per aiutare a disinfettare ogni superficie.

Letto 4139 volte Ultima modifica il Venerdì, 30 Marzo 2018 14:52

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android