in News

L'arte della Pace, il lavoro di Zhang Zixuan

Di Pubblicato Aprile 03, 2018

Zhang Zixuan, 22 anni, dopo la sua laurea avvenuta nello scorso giugno, ha scelto una carriera non convenzionale.

Mentre le suoi coetanee iniziavano la carriera lavorativa o partivano per l'estero per proseguire con gli studi, Zhang si è ritrovata in un campo di addestramento nella regione autonoma dello Xinjiang. Al suo ritorno, una cerimonia l'ha indotta a entrare nella nuova unità permanente cinese di peacekeeping.
Zhang fa parte di un pionieristico gruppo di laureati reclutati per questa unità, la prima del suo genere al mondo. Oltre 90.000 persone in uniforme provenienti da 123 paesi stanno attualmente prestando servizio nelle operazioni globali di mantenimento della pace delle Nazioni Unite, la maggior parte di queste sono forze ad hoc convocate per missioni specifiche. Nel 2015, la Cina si è impegnata a contribuire con 8.000 soldati a una nuova forza di riserva per il mantenimento della pace composta da un totale di 40.000 uomini. Le truppe provenienti da 50 nazioni fanno parte di un sistema di schieramento rapido, che in appena 30 potrà essere attivo per missioni in tutto il mondo: tra queste l’interruzione di conflitti armati, l’aiuto nel controllo della folla e il sostenegno alla polizia locale in paesi lacerati dai conflitti.

peacekeeping 1

Quando l'unità di standby cinese è stata fondata, nel dicembre 2016, i primi 300 membri furono selezionati tra le forze di polizia armate della nazione; 56 di loro avevano partecipato a missioni di pace ad Haiti, Sud Sudan e in Liberia. Anche le truppe di peacekeeping impiegate in passato provenivano da unità militari e di polizia esistenti, i cui ufficiali, però, di solito non hanno un'istruzione superiore.

Zhang, trilingue e fresca di laurea quadriennale all'Università di Studi Internazionali di Shanghai, appartiene a una nuova generazione di forze di pace cinesi. Nel suo caso, le sue abilità linguistiche sono fondamentali: nativa di Taiyuan, capoluogo della provincia settentrionale dello Shanxi, parla correntemente francese e inglese. Quest'anno, la forza di mantenimento sta reclutando alcuni tra i laureati delle migliori università che si specializzano in arabo, ingegneria dell'informazione elettronica, medicina clinica e contabilità.
Pur essendo un paese sostenitore del non intervento, la Cina è diventata il secondo più grande finanziatore di operazioni di peacekeeping delle Nazioni Unite e il 12 ° più grande contributore delle forze di pace da quando il paese ha iniziato a partecipare alle missioni nel 1990.

peacekeeping 2

La Cina ha ora circa 2.500 peacekeeper dispiegati in tutto il mondo. Questo maggiore coinvolgimento ha i suoi benefici per Pechino: alcuni esperti notano che ciò offre alle forze armate cinesi maggiori opportunità di formazione e di poter essere utilizzate per proteggere gli interessi nazionali in alcune parti del mondo.

Attualmente residente nella città costiera di Dongying, nella provincia orientale dello Shandong, Zhang non sa dove verrà inviata in futuro, ma probabilmente in una regione di lingua francese. Ogni mattina, lei ei suoi compagni di squadra si alzano alle 5 per l'allenamento, che include esercizi di resistenza fisica e la corsa di fondo, nonché il "passo del leopardo" in tipico stile militare.

I cadetti si allenano indossando l’equipaggiamento da campo – che comprende elmetti antiproiettile, giubbotti e fucili automatici - che pesano circa 20 chilogrammi in totale. L'attrezzatura può aumentare fino a 45 chilogrammi con forniture di emergenza come fucili e munizioni anti-sommossa, maschera antigas, kit di pronto soccorso e acqua.

peacekeeping 3

Sebbene molte truppe di peacekeeping non siano impegnate in combattimento, questo può essere un lavoro pericoloso a prescindere. Secondo il ministero degli Esteri cinese, 13 soldati e quattro agenti di polizia sono morti nelle missioni di mantenimento della pace delle Nazioni Unite, Tra questi c'era He Zhihong, uccisa nel crollo di un edificio durante il terremoto del 2010 ad Haiti che è stata insignita di speciali riconoscimenti . Solo il 3% dei soldati delle forze di pace schierati dalla Cina n passato erano donne.

Letto 1842 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android