in News

Indie Rock da Shijiazhuang, gli Omnipotent Youth Society 万能青年旅店

Di Pubblicato Febbraio 25, 2019
 
Gli Omnipotent Youth Society万能青年旅店 sono una band formatasi negli anni’90 che ha conosciuto un enorme successo grazie al loro pezzo Kill that Man from Shijiazhuang 杀死那个石家庄人.


“傍晚六点下班 换掉药厂的衣裳
妻子在熬粥 我去喝几瓶啤酒
如此生活三十年 直到大厦崩塌
云层深处的黑暗啊 淹没心底的景观”

Traduzione: Quando il sole tramonta alle 6 stacco da lavoro, mi tolgo l’uniforme della fabbrica farmaceutica
Mia moglie sta cucinando il porridge, io vado a bere qualche birra
È stato tutto così per 30 anni, finché il palazzo non è crollato
Una spessa coperta di nubi nere ha affogato il paesaggio che stava nel profondo del mio cuore

 


Questo brano è davvero impressionante sia per il testo che per l’arrangiamento. Il testo, che nel 2015 a Xi’An è stato cantato a squarciagola dai fan della band allo Strawberry Music Festival (2015西安草莓音乐节) racconta una storia oscura e vaga, ambientata nella città natale del gruppo, la cupa Shijiazhuang, la grigia capitale industriale dello Hebei. Il pezzo sembra descrivere lo scorrere regolare della vita nella città, con il rimo industriale delle sue industrie di tessile e delle sue fabbriche farmaceutiche. Una vita segnata dallo sviluppo industriale del paese, che giunge bruscamente al termine come un palazzo che crolla.

 

wanneng3.jpg

 

Anche se il testo sembra stato essere scritto in maniera più vaga possibile, dal blog “The Pilot’s Kid” arriva uno spunto di riflessione interessante sulla canzone:


“Molti Cinesi di sicuro ancora ricordano di un tempo in cui a loro (o ai loro genitori) veniva assegnato il lavoro nelle fabbriche statali come quella dell’uomo nella storia della canzone. Per chiunque in questa posizione ci sarebbe stata stabilità in quello che prima era un tempo povero e incerto in Cina. Ma il destino di una fabbrica statele è ancora fuori dal potere dei singoli individui: in uno battito di ciglia il capo del governo provinciale può far chiudere la fabbrica senza l’obbligo di proteggere il futuro dei lavoratori, portando le persone ad essere nella stessa posizione dell’uomo da Shijiazhuang.”
Shijiazhuang era la capitale Cinese per la produzione di farmaci: le fabbriche avevano orari prestabiliti, il welfare era organizzato la vita era stabile e tutti avevano diritto ad avere un periodo di vacanza, tre pasti al giorno e un alloggio. Fino a che il palazzo non è crollato: ossia finché il periodo di apertura al mondo e al mercato esterno alla Cina non ha dato uno scossone a questa vita tranquilla e regolare, cambiando per sempre il corso della vita degli operai di fabbriche statali.

 

wanneng5.jpg

 

La canzone è arrivata al grande pubblico dei Social Media Cinesi nel 2013, quando il famoso blogger Cinese Han Han (che conta una fan base di almeno 11 milioni di persone) ha raccomandato agli utenti di ascoltarla, dandone la propria personale interpretazione. Per Han Han il testo di Kill that Man from Shijiazhuang sarebbe per mettere in guardia contro l’eccessivo idealismo, dedicando il pezzo a “tutti quei giovani che attraversano ancora quelle acque,” parafrasando un verso di un’altra famosa canzone della band, Qinhuangdao.

 

wanneg4.jpg

 

Gli OYS hanno realizzato il loro primo LP a Shanghai in un piccolo appartamento che fungeva da studio. L’album realizzato (Relentless Jokes and Long Daydreams) è il loro primo dopo 16 anni di attività insieme e ha fatto il suo ingresso ufficiale sulla scena rock-indie alternativa di Shanghai passando per il club Yuyintang, uno dei nomi più noti nell’underground musicale della città.  I testi poetici e la musica potente li hanno portati a vincere il titolo di Band dell’Anno del Chinese Music Media Awards del 2011, un onore che di solito è riservato alle celebrità del mondo delle pop-stars.

 

wanneng2.jpg

 

Nonostante il quartetto ancora oggi conti all’attivo solo il primo album, ci sono stati vari singoli importanti che hanno continuato a tenere la band nella mente e sulla bocca degli appassionati di indie-rock Cinese (la band è praticamente di casa agli Strawberry Festivals). Il singolo A Tale of the Stormy Pawn Shop 乌云典当记è uscito nel 2013 come parte della colonna sonora del film “NO”, la storia della Coalizione dei Partiti per la Democrazia che sfidò il dittatore Cileno Pinochet alla fine degli anni ‘80.

Singoli Consigliati

- 杀死那个石家庄人 Kill that Man from Shijiazhuang

-乌云典当记 A Tale of the Stormy Pawn Shop 

-冀西南林路行 Southwest Lin Road

-大石碎胸口With the Chest Smashed by a big Rock 

-不萬能的喜劇 A Non Omnipotent Comedy 

 

Letto 3248 volte Ultima modifica il Martedì, 26 Febbraio 2019 09:10

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android