in News

L'immagine nell'oscurità

Di Pubblicato Maggio 21, 2019

Da lontano, l'imponente oscurità delle opere di Hu Liu è affascinante.

Ti senti di fronte a un muro nero come l’ebano: qualunque cosa i tuoi occhi vedano è triste e cupa.

Ma l’artista di Pechino dice che le sue opere non sono nere, sono ‘xuán’. Questa parola può significare "oscuro" o "misterioso" ed evoca la filosofia di Laozi e Zhuangzi. "Xuán è remoto, e significa anche 'nascosto'", spiega. Poi cita il Dao De Jing: "L'oscurità sull'oscurità: la porta delle meraviglie".

hu-liu 1.jpg

In questo mondo dipinto in ‘xuán’, Hu nasconde i suoi lavori nelle pieghe del tempo, ma essi si rivelano con il cambiare della luce. "Questo non è un mondo che nessun colore può rappresentare", dice.

Xuán non è nero, o meglio, non è solo nero.

In base alla progettazione, gli elementi sulle tele di Hu sembrano apparire e scomparire. L'intera superficie viene disegnata a mano a matita: ogni pianta, ogni petalo, ogni paesaggio marino, riga per riga, si sovrappongono all'infinito. Le fitte strisce di grafite ti richiamano più vicino, invitano i tuoi occhi a tracciare la luce e le ombre, a muoversi punto per punto e immaginare la sua struttura compositiva. Solo quando sei abbastanza vicino puoi percepire la complessità visiva che ti aspetti di trovare in un dipinto.

hu-liu 2.jpg

Milioni di tratti su altri milioni di tratti: per gli osservatori esterni, questo processo creativo sembra quasi un'opera di devozione religiosa. Per Hu, un disegno non è finito solo perché sembra finito, ma si estende spesso anche senza limiti. "È come attraversare il fiume fino alla riva più lontana: è difficile giudicare quanto ci vorrà. Devi scoprire se l'acqua è bassa o profonda, calda o fredda. "

Fissando le opere di Hu, senti che ti stai immergendo nella profondità nera della tela, soggetta al moto ondoso e all'ondulazione di ogni tratto. Quando sei sopraffatto e guardi di nuovo, appaiono la completezza e la chiarezza. Solo allora capisci perché Hu chiama questo colore ‘xuán’: l'immagine è ancora nera come il l’ebano, ma i dettagli si riflettono nella tua mente, e quello che vedi si trasforma in quello che pensi.

hu-liu 3.jpg

"Se sto cercando di trasmettere qualcosa, l'unico modo per vederlo è osservare il lavoro da vicino, faccia a faccia. Lo spettatore ha gli occhi, lo spettatore non ha bisogno di risposte, lo spettatore può scoprirli da solo", dice. "Beckett ha scritto: 'La tendenza artistica non è espansiva, ma una contrazione, e l'arte è l'apoteosi della solitudine.' Sembra scritto per me".

Forse la vera lingua di un artista sono le sue opere. Solo quando si è di fronte a un'opera d'arte, uno spettatore può trovare risonanza o contatto con il suo creatore. "Attraverso l'osservazione, un'opera d'arte ci permette di sentire l'intangibile", dice Hu. "Il modo più efficace per essere ascoltati non è chiacchierare incessantemente ma tacere. È molto più efficace di qualsiasi parola. "

hu-liu 4.jpg

Per rimanere aggiornato con le prossime mostre o opere di Hu Liu, visita la sua pagina della Galleria ShanghART.

Letto 2240 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android