in News

Tuzi

Di Pubblicato Ottobre 15, 2019

Un cortometraggio animato che affronta il problema della violenza domestica.

Si chiama “兔子 Tuzi” (coniglio) ed è un progetto di laurea creato da Han Yeming, Tang Ruofan e Chen Siyue, tre studenti della China Academy of Art. La loro storia era stata originariamente progettata per essere una storia catartica su un bambino che fuggiva da una situazione familiare violenta. Tuttavia, con lo sviluppo della sceneggiatura, la storia ha preso una direzione diversa. La sceneggiatura completa mostra ancora un bambino cresciuto in un ambiente violento, ma alla fine non arriva l’evoluzione positiva inizialmente attesa: il protagonista cresce e diventa una persona non diversa dal padre che tanto disprezzava, una persona che terrorizza gli altri.

 

"Non tutti i bambini che sono cresciuti in questo tipo di ambienti vengono salvati", afferma il regista Han Yeming. "E non tutte le ferite possono essere curate."

 

 

L'uso di un coniglietto come simbolo non era originariamente previsto, ma una volta nato il progetto, sembrò la perfetta incarnazione dell'innocenza e la sua mutazione in un mostro assetato di sangue, a sua volta, raffigura la corruzione dell'innocenza che può derivare dalla crescita in un ambiente violento.

 

Il finale del cortometraggio è volutamente ambiguo. Il protagonista, essendo stato oggetto di abusi per gran parte della sua vita, sembra voler scatenare la sua vendetta sulla società. Ma nella scena finale, quando si vede come un mostro allo specchio, sembra sorpreso. Il film si conclude con il riflesso del mostro distrugge il suo riflesso nello specchio.

 

Starà per riconquistare il dominio sul mostro dentro di sé? O accetterà il mostro come il suo vero io?

 

Tuzi-014.jpg

 

“Non c'è una chiara conclusione per Tuzi; si potrebbe dire che era tutto un sogno, un epilogo o parte di un ciclo infinito”, afferma Han. “Il vero finale di Tuzi è qualunque cosa lo spettatore voglia che sia. Il nostro obiettivo è quello di invitare il pubblico a pensare, affinché la loro interpretazione contribuisca al completamento di questo lavoro."

 

Han e il suo team credono che l'animazione non debba riguardare solo la presentazione di cose belle; essa ha anche la responsabilità di presentare le parti spiacevoli della vita. "Vogliamo mostrare alla gente la realtà delle cose", afferma Han. “Ciò dimostra anche che l'animazione non è solo per i bambini. Possono esistere fiabe più oscure pensate per un pubblico adulto."

 

Tuzi è stato scelto come vincitore del Design Mark al Golden Pin Design Award di quest'anno.

Letto 1554 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android