5 film per conoscere la regista Ann Hui

Di Pubblicato Luglio 27, 2020

Nei giorni scorsi il direttore del Festival del Cinema di Venezia Alberto Barbera ha annunciato che la regista di Hong Kong Ann Hui riceverà il premio alla carriera.

 

Durante l'annuncio Barbera ha sottolineato l'importanza di Hong Kong nella produzione di Hui, sottolineando come con il suo linguaggio visivo la regista non solo ha catturato gli aspetti specifici della città e dell'immaginazione di Hong Kong, ma li ha trasposti in una prospettiva universale.

 

In attesa di vederla al Festival di Venezia, ecco cinque film per conoscere Hui.

 

MV5BMTA5ODA0NDQzNzheQTJeQWpwZ15BbWU4MDc4NTM2NzIx._V1_SY1000_CR0,0,835,1000_AL_.jpg

 

1 Boat People (1982)

Vincitore di 5 premi all'Hong Kong Film Award, “Boat People” è parte fondamentale della cosiddetta “new wave” del cinema di Hong Kong.
Etichettato in passato come anticomunista, il film ritrae con vividezza la difficile posizione dei rifugiati vietnamiti, visti attraverso gli occhi del fotoreporter giapponese Akutagawa, inviato in Vietnam per vedere i progressi compiuti dopo la guerra. Ben presto il giornalista vedrà come dietro la facciata del progresso si nasconda un regime dispotico.

 

91N2Rf6zDJL._SL1500_.jpg

 

2 Song of the Exile (1990)

Ann Hui ha sempre avuto un profilo eccezionalmente basso, preferendo a volte parlare attraverso le sue opere. È il caso di “Song of the Exile”, film che racconta la difficile relazione tra una madre ed una figlia. La tensione tra le due è dovuta alla identità giapponese della madre, ed alla conseguente freddezza che la madre ha subito vivendo ad Hong Kong.

 

b43e9c7e-2542-4549-a181-c90a2b10a9c5.jpg

 

3 Summer Snow (1995)

Uno dei film ad aver vinto il cosiddetto “Grande Slam” al Festival di Hong Kong, e cioè la cinquina di premi come miglior film, miglior regista, miglior sceneggiatura, miglior attore e miglior attrice, “Summer Snow” racconta con ironia una delicata storia familiare. La protagonista Josephine Siao è una moglie che deve prendersi cura del marito e del figlio, oltre che del suocero afflitto dall'Alzheimer. La tematica difficile è alleggerita dall'interpretazione umoristica data da Roy Chao all'ex tenente malato.

 

a-simple-life-2011.jpg

 

4 A Simple Life (2011)

“A Simple Life” è uno dei due film presentati dalla regista al Festival di Venezia.
La vita semplice è quella che lega i due protagonisti, un tranquillo scapolo di mezza età e l'anziana aiutante domestica che lo accudisce. Dopo aver avuto un infarto che le ha causato una emiparesi, la donna decide di farsi ricoverare in una struttura per anziani, e sarà il suo “figlioccio” a scegliere la struttura ed a prendersi cura di lei, avvicinandosi a lei come se la donna fosse sua madre.
Come tutti i film di Hui, la particolarità della pellicola sta nell'attenzione ai piccoli dettagli della vita e degli abitanti di Hong Kong.

 

poster-780.jpg

 

5 “The Golden Era” (2014)

Presentato anch'esso a Venezia e vincitore del premio come miglior film all'Hong Kong Film Festival del 2015, “The Golden Era” è forse un film rivolto ad un pubblico preparato. Il film racconta la vita dello scrittore ed attivista cinese Xiao Hong, impersonato da Tang Wei, che ne dà una interpretazione carismatica, ed al tempo stesso descrive la Cina nel 1903, diventando una elegante lezione di storia per lo spettatore attento.

Letto 4947 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android