in News

Il Festival dei Fantasmi di Keelung a Taiwan e le usanze per placare gli spiriti che vagano sulla terra

Di Pubblicato Settembre 23, 2020

La cultura cinese riconosce grande importanza agli spiriti e agli antenati, arrivando a dedicare loro un intero mese: è il mese dei fantasmi, un periodo compreso tra agosto e settembre, corrispondente al settimo mese lunare del calendario cinese, quando la barriera tra vivi e morti si apre e gli spiriti affamati tornano a vagare sulla terra, chiedendo ai vivi di essere placati e saziati con banchetti, feste e offerte in joss, il denaro dei defunti.

 

Sentito da tutta la popolazione cinese, il mese dei fantasmi è celebrato in modo particolare nella città portuale di Keelung, dove ogni anno viene allestito il Festival dei Fantasmi più importante di Taiwan.

 

fdd 1.jpg

 

Nato per commemorare i caduti negli scontri tra le diverse etnie che abitavano la città nel 1851, il Festival è cresciuto negli anni fino a diventare un appuntamento che richiama numerosi turisti per ammirare i rituali celebrati per i defunti, e senza dubbio tra i più suggestivi ci sono quelli legati all'arte zhizha.

 

Zhizha o arte cartacea taoista, è un tipo di artigianato che costruisce rappresentazioni in carta di oggetti della vita quotidiana che vengono bruciati per essere offerti ai defunti.

 

fdd 2.jpg

 

Quale pratica di origine taoista, è presente in tutta la Cina, e si è evoluta nel corso del tempo: se originariamente le raffigurazioni rappresentavano vestiti o piatti di cibo, adesso replicano oggetti raffinati, fino a diventare vere opere d'arte come nel caso delle creazioni di Du Zhenhao.

 

A soli 29 anni Du Zhenhao è considerato uno dei più giovani artisti di zhizha del paese. Ogni anno realizza una villa di carta su larga scala, che ricorda un tempio per via del suo aspetto. Le sue creazioni sono sostenute da bastoncini di bambù e ricoperte di schiuma e carta, ma hanno dettagli così intricati da poter essere scambiate per edifici reali, oltre ad essere arricchite vari motivi della mitologia cinese, come draghi koi sul tetto e raffigurazioni di racconti popolari sui muri. La cura per i dettagli di Du si estende anche agli interni dei palazzi, che comprendono soggiorno, camere da letto e cucine, arredate di tutto punto e riempite di pile di soldi joss.

 

fdd 3.jpg

 

La sera delle celebrazioni Du si unisce al suo suo clan e sfila con la sua villa per le strade di Keelung fino a raggiungere il piccolo porto di pescatori di Badouzi, dove dà fuoco alla zhizha e la rilascia in mare: il fuoco è essenziale per garantire la comunicazione con i defunti, e più le costruzioni galleggeranno, più il clan sarà benedetto.

 

La sfilata è uno dei momenti di maggiore attrazione del Festival dei Fantasmi di Keelung, ed ha un profondo significato per gli abitanti della città: mescolando etnie diverse che nel passato si erano scontrate, il rituale incoraggia l'armonia, il rispetto e la devozione condivisa.

 

fdd 4.jpg

 

Lo stesso Du riconosce che la cerimonia è importante perché rinnova annualmente le tradizioni locali, e riflette questo aspetto nelle sue opere, in cui elementi della mitologia cinese convivono con ispirazioni provenienti dalle tendenze contemporanee: è il caso del colore arcobaleno con cui ha decorato un dettaglio del tetto di una sua zhizha, per richiamare la legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso sancita recentemente a Taiwan.

Letto 5368 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android