in News

L'invasione delle verdure spaziali

Di Pubblicato Novembre 18, 2020

Le verdure coltivate nello spazio non hanno ancora raggiunto le tavole, ma hanno sicuramente raggiunto i campi: sono sempre di più i coltivatori cinesi che piantano nei loro terreni semi provenienti da piante cresciute nello spazio ottenendo raccolti dalle qualità sorprendenti.

 

L'impiego dei semi spaziali nelle coltivazioni è un pilastro della politica alimentare della Cina, che punta così a migliorare i raccolti dei coltivatori ed a combattere povertà, e si basa sul processo conosciuto come mutagenesi spaziale.

 

5fadda7ae4b0fbee201a77e4.jpg

 

La mutagenesi spaziale è la tecnica con cui sono indotte delle mutazioni nei semi per mezzo dell'esposizione ai raggi fotonici e ad altre condizioni fisiche come vuoto, microgravità e bassi livelli di interferenza geomagnetica.

 

Questo metodo non prevede il trasferimento di geni da un organismo all'altro, ma la generazione casuale di cambiamenti nei geni della pianta secondo un processo che imita quello naturale ma ad una velocità significativamente più alta, producendo colture che secondo FAO ed Organizzazione Mondiale della Sanità sono sicure da consumare, purché superino rigorosi test e processi di approvazione.

 

2020113_plantation_chinadaily.jpg

 

I primi ad impiegare la mutagenesi spaziale sono stati Stati Uniti ed Unione Sovietica negli anni '60, ma è stata la Cina ad investire maggiormente in questo settore, arrivando ad avere nel 2018 più di 2,4 milioni di ettari di piantagioni per le verdure spaziali (un'area pari all'incirca allo stato di New Hampshire negli USA) ed autorizzando la semina di oltre 200 varietà di piante e frutta spaziali.

 

Questi semi hanno aiutato i contadini ad uscire dalla povertà, aumentando notevolmente la rendita dei loro campi. Tuttavia sebbene la tecnica sia efficace, ci sono ancora dei problemi per un suo sviluppo su larga scala.

 

2020113_beetroot_chinadaily.jpg

 

Inviare semi nello spazio ha un costo elevato che non è sempre ripagato dal successo, perché le mutazioni indotte non si verificano sempre e non sviluppano sempre tratti desiderabili. Per creare ad esempio una nuova varietà di grano sarebbe necessario inviare circa 135 grammi di semi, al costo di 3.000 yuan al grammo: la sperimentazione avrebbe perciò un costo di 405.000 yuan.

 

Sarà lo sviluppo di una forte industria di voli spaziali commerciali ad abbattere i costi, a conferma che i viaggi spaziali avranno un'importanza sempre maggiore per il futuro dell'umanità.

Letto 10277 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android