Il poster indigna le clienti del supermercato

Di Pubblicato Novembre 19, 2020

Una tabella pubblicata dai supermercati RT-Mart ha offeso le clienti costringendo la catena a scusarsi e a ritirare l'immagine.

 

Si tratta di una immagine sulle taglie di abbigliamento femminile che è diventata virale sui social cinesi scatenando un'offensiva contro l'azienda, accusata di usare standard antiquati sulla bellezza e sulle dimensioni del corpo.

 

Il poster riportava accanto alle taglie suggerimenti per le clienti, usando parole diverse a seconda delle misure: ma se la S e la M erano state definite con gli aggettivi “sottile” e “bella”, le taglie dalla L in su erano state considerate “marce”.

 

446.jpg

 

La direzione di RT-Mart si è scusata ed ha rimosso l'immagine inappropriata impegnandosi a rafforzare la gestione interna per evitare simili sviste in futuro.

 

Quello di RT-Mart può essere stato un errore, ma è indicativo di come la discriminazione contro le donne sia ancora forte in Cina e sia accompagnata da una generale mancanza di consapevolezza del problema.

 

La situazione sta tuttavia cambiando. Accanto a marchi come Brandy Melville che puntano a fare campagne dedicate esclusivamente alle taglie piccole promuovendo indirettamente il body shaming, si stanno affermando industrie di moda e marketing che stanno cambiando direzione, producendo linee per donne plus size pubblicizzate da modelle plus size, contribuendo così ad erodere lo stereotipo del corpo perfetto.

Letto 1945 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android