in News

La Cina punta tutto sullo skate olimpico

Di Pubblicato Luglio 27, 2021

Pur essendo una disciplina relativamente nuova, la Cina ha tutte le intenzioni di conquistare ottimi risultati nello skateboard cinese, a coronamento di un intenso processo di selezione ed allenamento iniziato appena cinque anni fa.

 

 

 

Il Comitato Olimpico Internazionale ha approvato l'inclusione dello skateboard tra i Giochi in gara per Tokyo 2020 nel 2016, ed il colosso olimpico cinese è entrato subito in azione.

Le autorità sportive hanno iniziato da zero il processo di assemblaggio di una squadra nazionale di skateboard, cercando giovani atleti promettenti e organizzando sei campi di addestramento regionali per affinare le loro abilità.

Il pool di talenti esistente non era grande. Sebbene lo skateboard stia crescendo in popolarità tra i giovani cinesi - e diverse città hanno costruito giganteschi skatepark per attirarli - lo sport è molto meno sviluppato in Cina che in paesi come gli Stati Uniti.

L'Amministrazione generale dello sport cinese, tuttavia, si è affidata al suo collaudato sistema di "fabbrica di medaglie" per superare questo svantaggio.

 

skate-tokyo20202.jpg

 

Invece di riempire i campi esclusivamente di pattinatori esperti, le autorità si sono rivolte anche al sistema scolastico sportivo cinese, una rete nazionale di istituzioni specializzate progettate per identificare e formare atleti di livello mondiale fin dalla giovane età.

Il sistema si concentra esclusivamente sulla produzione di campioni, con risultati indubbiamente positivi: circa il 95% delle medaglie d'oro del paese ha frequentato una scuola sportiva.

Quando i campi di addestramento sono stati aperti nel 2017, gli skateboarder cinesi veterani si sono trovati a praticare insieme agli studenti delle scuole sportive che erano stati riassegnati dalle arti marziali, dalla ginnastica e da altre discipline. La stragrande maggioranza non aveva mai pattinato prima.

 

skate-tokyo2020-3.jpg

 

Il programma prevedeva allenamenti quotidiani molto intensi: i ragazzi selezionati dovevano allenarsi per 12 ore al giorno, cavalcando halfpipe e praticando nuovi trucchi sotto la supervisione di allenatori esperti.

Le ore di esercitazioni ripetitive hanno dato i loro frutti. I primi risultati si sono visti nei Giochi asiatici del 2018, quando la Cina ha vinto una medaglia di bronzo, e secondo le autorità sportive cinesi Tokyo 2020 si rivelerà un punto di svolta per la scena dello skateboarding del paese.

 

skate-tokyo2020-2.jpg

 

Lo skateboard esiste in Cina da 30 anni, ma è stato messo al centro dell’attenzione solo dopo la decisione delle Olimpiadi: Tokyo 2020 sarà un momento decisivo per valutare i progressi realizzati e per affinare la strategia in vista delle Olimpiadi di Parigi nel 2024, dove secondo molti potrebbero arrivare grandi soddisfazioni dalle donne skateboarder cinesi.

Letto 9305 volte Ultima modifica il Lunedì, 26 Luglio 2021 12:06

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android