La cultura cinese del tè risale al 400 aC

Di Pubblicato Dicembre 03, 2021
 Un team archeologico dell'Università di Shandong, nella provincia di Shandong, nella Cina orientale, ha trovato i primi resti di tè conosciuti al mondo, risalenti a circa 2.400 anni.

La scoperta ha tracciato prove fisiche dell'origine della cultura cinese del tè alla prima fase del Periodo degli Stati Combattenti (475-221 a.C.), vale a dire dal 453 a.C. al 410 a.C. da più di 300 anni.

I campioni di tè, che si sono rivelati i residui del tè preparato, sono stati scavati da antiche tombe a Zoucheng, nella provincia di Shandong.

 

residui-te2 (1).jpg

 

Da agosto a dicembre 2018, il team, guidato dal professor Wang Qing dell'Università di Shandong, ha condotto scavi archeologici nelle rovine di un'antica città, costruita nel periodo primaverile e autunnale (770-476 a.C.) e nel successivo periodo degli Stati Combattenti. .

Secondo i ricercatori, è stato successivamente dimostrato che i residui carbonizzati simili a stelo e foglia trovati in una ciotola di porcellana rovesciata sono molto probabilmente tè antico.

Dati successivi hanno mostrato che i contenuti di caffeina e teanina nei residui erano bassi o addirittura assenti. Poiché queste due sostanze sono facilmente solubili in acqua, i ricercatori hanno concluso che i campioni di tè dissotterrati erano la feccia lasciata dagli antichi dopo la bollitura.

Letto 3970 volte Ultima modifica il Giovedì, 02 Dicembre 2021 12:01

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android