Stampa questa pagina
in News

Ordinance of the Subconscious Treatment: le esplorazioni artistiche di Duyi Han sul benessere mentale

Di Pubblicato Gennaio 14, 2022

Un ospedale è pensato per curare i malati, ma quando qualcuno vede il camice o la sala operatoria di un chirurgo, è probabile che non lo faccia sentire meglio. L'artista cinese Duyi Han vuole interrogare questa disconnessione e il suo ultimo lavoro esplora come il design, il colore e la tradizione possono influenzare le emozioni e la salute mentale delle persone.

L'installazione, intitolata Ordinance of the Subconscious Treatment , è uno spazio immersivo che trasforma un appartamento in un “ArtBNB” dove i visitatori sono invitati a riflettere su forme di guarigione contrastanti e complementari.

Nell'appartamento da sogno, alcune stanze sono progettate per evocare un senso di familiarità per chi è cresciuto in Cina. In alcune aree, quella familiarità è bucata da un senso del surreale.

In una stanza, le tradizionali ceramiche accatastate su un tavolo sono illuminate da una luce chirurgica; dall'altra parte dell'appartamento, un semplice corridoio con muri di nuova costruzione si trasforma in un labirinto; la sala da pranzo e la cucina sono ricoperte di rosa e arredate con elettrodomestici retro-futuristici; e in altre parti dello spazio, i mobili sono ricamati con le strutture molecolari di vari farmaci da prescrizione e sostanze neurochimiche. La caratteristica più notevole dell'appartamento, tuttavia, è la rilassante vernice verde che copre la maggior parte delle stanze, che è il modo palese di Han di fare riferimento alle strutture ospedaliere.

 

ordinance_of_the_subconscious_treatment1.jpg

 

ordinance_of_the_subconscious_treatment3.jpg

 

Han è nato e cresciuto a Shanghai, e l'incessante tasso di cambiamento e le enormi dimensioni della città hanno ispirato il suo primo interesse per l'architettura. Alle elementari creava già città e mappe immaginarie con Windows Paint. All'università, è stato attratto da campi del design più specifici ed espressivi. 

Il suo lavoro oggi spesso trae ispirazione dal passato, con una forte attenzione ai movimenti retrò e alle tradizioni della Cina. "L'estetica del passato commuove le persone ed evoca sentimenti ricchi", dice Han. "Cerco di rispondere alla storia e al patrimonio per vedere come le cose precedenti possono essere utilizzate in modi nuovi e contemporanei".

 

ordinance_of_the_subconscious_treatment2.jpg

 

Sebbene le foto della recente installazione possano essere facilmente scambiate per CGI, la realizzazione è del tutto fisica. A volte, i colori delle stanze sono così ricchi che infondono l'intero spazio con le loro caratteristiche, proprio come potrebbe fare un'immagine alterata digitalmente. Ma Han dice che non usa nemmeno luci colorate per le fotografie, ma fa affidamento su un mix di luce naturale e luce bianca neutra. La vernice ha una certa quantità di riflettività e l'ora del giorno può influenzare il colore di una stanza, quindi a seconda di quando viene visualizzato l'appartamento, la vivacità e la forma di una stanza cambiano.

 

ordinance_of_the_subconscious_treatment5.jpg

 

Il concetto di benessere mentale è centrale nell'installazione e le sue lampade e i suoi mobili sono il mezzo più letterale per illuminare l'argomento. Molti disegni, ricamati con testo sia in inglese che in cinese, parlano direttamente del tema della salute mentale.

 

ordinance_of_the_subconscious_treatment7.jpg

 

Han affronta questo tema nella sua installazione utilizzando oggetti, tessuti e mestieri tradizionali tratti dal patrimonio regionale e religioso. La serotonina, ad esempio, si basa su oggetti cerimoniali cinesi come l'ombrellone buddista, mentre la dopamina si ispira a mobili e diagrammi taoisti. Per creare questi pezzi, ha lavorato con artigiani esperti formati nell'antico ricamo di Suzhou, un mestiere che esiste da secoli nella zona in cui si trova l'appartamento.

"Ho usato questi dispositivi religiosi locali per rappresentare contenuti più contemporanei che sono forse più rilevanti per la vita delle persone", spiega. “È un'eredità che molte persone conoscono ma con cui non interagiscono realmente nella loro vita quotidiana. Qualcuno potrebbe visitare un tempio, ma non ha necessariamente un altare in casa o altro”. Così facendo, spera di estrarne il significato.

Letto 3558 volte Ultima modifica il Giovedì, 13 Gennaio 2022 12:22