in News

I lavoratori “virtuali” saranno il futuro della Cina?

Di Pubblicato Gennaio 24, 2022

Il potenziale di crescita per le applicazioni di intelligenza artificiale (AI) in Cina sembra rimanere forte, a seguito della recente mossa dello sviluppatore immobiliare China Vanke di nominare il suo esattore virtuale sviluppato internamente come uno dei migliori dipendenti per il 2021.

Il robot software di nome Cui Xiaopan, rappresentato da un avatar femminile realistico, è stato insignito del premio del "Vanke Headquarters Outstanding Newcomer Award 2021", secondo il post WeChat Moments del presidente di China Vanke Yu Liang del 20 dicembre.

Questo sviluppo è diventato un ottimo esempio del motivo per cui la Cina, che prevede di diventare un leader mondiale nell'intelligenza artificiale entro il 2030, prevede di schierare più dipendenti virtuali quest'anno, secondo un rapporto della società di consulenza Analysys pubblicato questa settimana.

 

ailavoratori1.jpg

 

L'esattore virtuale di China Vanke è una delle ultime applicazioni di intelligenza artificiale a generare molto entusiasmo negli ultimi anni, dopo il reporter robotico di Tencent Holdings "Dreamwriter", che può sfornare storie di 1.000 parole in 60 secondi, e il conduttore televisivo AI dell'agenzia di stampa statale Xinhua News Agency .

Emergeranno "più dipendenti virtuali che hanno capacità sia commerciali che tecnologiche tra le aziende dotate di automazione dei processi robotici, piattaforme di sviluppo low-code e tecnologie di intelligenza artificiale", afferma il rapporto di Analysys. "Con questi dipendenti virtuali che danno l'esempio con le loro prestazioni elevate, anche altri dipendenti saranno incoraggiati a migliorare le proprie competenze, che alla fine guideranno la trasformazione digitale di queste aziende".

 

ailavoratori2.jpg

 

Nel mercato cinese del software di intelligenza artificiale, le applicazioni per i robot di intelligenza artificiale o gli esseri umani virtuali sono diventate una delle più popolari, secondo la società di ricerca tecnologica IDC. Si prevede che il valore di questo segmento software raggiungerà i 23 miliardi di yuan (4,8 miliardi di S$) entro il 2030.

L'uso di esseri umani virtuali è già diventato popolare nei settori della vendita al dettaglio e dell'intrattenimento in Cina. Gli idoli virtuali, ad esempio, hanno catturato l'immaginazione della popolazione cinese dopo aver inizialmente aperto una pista in Giappone negli anni '90.

 

ailavoratori4.jpg

 

Da Ayayi, con oltre 121.000 follower sulla piattaforma lifestyle Xiaohongshu dal lancio lo scorso maggio, a Ling Yuezheng, a cui piace vestirsi e truccarsi in tradizionale stile cinese, gli idoli virtuali sono diventati mainstream nella seconda economia più grande del mondo e si prevede che il mercato cinese degli idoli virtuali dovrebbe raggiungere i 12 miliardi di yuan quest'anno, rispetto agli 1,2 miliardi di yuan del 2018.

Letto 14356 volte Ultima modifica il Venerdì, 21 Gennaio 2022 15:53

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android