È difficile classificare Gao Jiafeng. Nella sua carriera il musicista ha sperimento i più disparati generi di musica, dall'hip-hop alla classica, dal jazz alla musica noise, passando con disinvoltura dallo studio dei compositori classici alle audizioni per Rap of China. Si esibisce in performance artistiche dove oltre a fare musica recita poesie o dà vita a spettacoli da cabaret.

 

gao-jiafeng-46.jpg

 

La musica resta tuttavia la chiave per comprendere la carriera di questo eclettico musicista di Hunan. Gao usa i generi per trovare trarre la giusta ispirazione per la sua musica, senza preoccuparsi delle etichette. Nei suoi lavori si trovano sonorità disparate, tutte funzionali a ciò che vuole comunicare.

 

gao-jiafeng-30.jpg

 

Ne è un esempio “Emotional Dance Music”. Il suo ultimo lavoro è stato fortemente influenzato dalla cultura di Internet degli anni 2000, ed in particolare dai suoni electro e pop giapponesi di quegli anni. Ad essere protagonisti sono i ritmi Eurobeat che rimandano ai videogiochi dell'epoca come Dance Dance Revolution, e che hanno influenzato l'intero album. L'estetica dei videogiochi si ritrova infatti nelle copertine e nei contenuti dei testi, e persino nel gioco da ballo acquistabile presso il suo sito web.

 

L'impressione di giocosità e leggerezza non deve però trarre in inganno. Con “Emotional Dance Music” Gao cerca una connessione con gli ascoltatori, per condividere con loro le sue riflessioni sul modo in cui la tecnologia ha cambiato le nostre relazioni.

 

gao-jiafeng-23.jpg

 

Le 10 tracce raccontano l'evoluzione di una storia romantica, dall'euforia iniziale alle difficoltà quando la relazione diventa sempre più contorta, fino all'epilogo deprimente. Emerge l'idea che la tecnologia abbia reso l'amore superficiale, contraddittorio e complesso: una sensazione accentuata dai suoni pop falsi e scadenti usati, che ricordano una musica fatta di cliché, familiare e piacevole da sentire ma priva di qualità.

 

Flora Yin-Wong è una produttrice, DJ e scrittrice che si è fatta conoscere nel mondo della musica per le sue partecipazioni a compilation e remix.

 

Suscita perciò grande interesse “Holy Palm”, l'album da poco disponibile con cui debutta sulla scena e che rappresenta il suo lavoro più completo.

 

Flora-Yin-Wong (1).jpg

 

Pensato inizialmente per uscire in contemporanea con il libro di narrativa che l'artista sta scrivendo,“Holy Palm” ha richiesto una lunga gestazione: nasce infatti durante gli anni trascorsi da Flora in Asia Orientale, tra Hong Kong, Tokyo ed Indonesia, dove ha raccolto suoni di strumenti e fatto registrazioni sul campo, che sono stati poi composti ed arrangiati a Londra, presso Spitfire Audio e Red Bull Studios lo scorso anno.

 

L'album rappresenta l'esplorazione del modo in cui il rituale dà significato alla vita ed in 10 tracce rievoca incidenti, incontri ed episodi di vita, andando dalle scene di strada indonesiane alla metropoltiana di Chicago. Il risultato è un lavoro affascinante, che combina suoni familiari ed inaspettati e suscita nell'ascoltatore ricordi simili ad un sogno.

 

 

Facebook

https://www.facebook.com/florayinwong

 

Sito

https://floraytw.tumblr.com

 

Twitter

https://twitter.com/petitflo

 

Instagram

https://www.instagram.com/floraytw/

Sonia Calico, conosciuta nel circuito dei club di Taiwan per la sua produzione che supera i confini dei DJ set e per la sua partecipazione al gruppo rock elettronico Go Chic, ha pubblicato "Club Simulation" il brano che anticipa il prossimo album "Simulation Of An Overloaded World".

 

Prodotto durante il lockdown, "Simulation Of An Overloaded World" ne risente nelle atmosfere leggermente paranoiche che lo caratterizzano e che si possono intuire fin dal titolo. Secondo Sonia durante il blocco abbiamo vissuto l'esperienza della simulazione, con tutti gli eventi musicali improvvisamente diventati virtuali, e l'album riflette questi sentimenti nel tentativo di simulare il mondo del futuro.

 

DSC_9807.jpg

 

Ne è un esempio il singolo "Club Simulation", che presenta un'atmosfera post-apocalittica in cui comunque di ritrova un senso di speranza, ottenuta per mezzo di accordi minori sorprendenti e trame varie che si innestano su melodie orientali.

 

Il singolo e l'album sono stati pubblicati dall'etichetta londinese More Time Records, con cui Sonia è entrata in contatto in seguito al tour in Asia del co-fondatore dell'etichetta Ahadadream.

I due hanno passato del tempo insieme in uno studio a Taipei, esplorando i ritmi percussivi per cui l'etichetta è nota, e da lì è nata l'idea della collaborazione che ha portato a "Simulation Of An Overloaded World".

 

 

A chi le domanda da dove provengono le atmosfere che ne caratterizzano la musica, la cantautrice cinese Wang Xixi, nota con il nome d'arte di West By West, risponde da Xi'an, la città dove abita dal 2012.

 

Xi'an è stata la capitale di 13 dinastie ed è sempre stata fonte di ispirazione per letterati e poeti, ed ancora oggi la sua tradizione culturale è quasi palpabile, e suggestiona la scena artistica del paese. Sono stati numerosi gli esempi anche nel campo della musica, che è fiorita tra la fine degli anni '80, con Zhang Chu, e l'inizio degli anni '90 ad opera di musicisti come Xu Wei e Zheng Jun, tutti considerati veri e propri pionieri del folk rock cinese.

 

west-by-west-20.jpg

 

Il loro lavoro è stato così determinante per la musica cinese che ancora adesso i giovani musicisti ne godono i frutti.

 

Ed è così anche per Wang Xixi, che combina tradizionale e contemporaneo, dando vita ad una musica dai ritmi senza fretta, le voci affascinanti e i testi emozionanti che si coniugano con complesse trame digitali.

 

west-by-west-15.jpg

 

Contrariamente a quello che può sembrare, tuttavia, il risultato è apprezzabile anche da parte dell'ascoltatore occasionale. Xixi infatti crea facendosi guidare dalle emozioni che prova nel momento e seguendole fino a comporre la canzone. Successivamente, tenta di rievocare queste emozioni in fase di post-produzione, con il design tonale e le variazioni melodiche.

 

Questo approccio spontaneo si ritrova anche in "West By West" l'LP omonimo pubblicato quest'anno. L'album può essere visto come un diario della cantante, che in 10 tracce racconta esperienze passate e ricordi personali intrecciandoli con riflessioni sull'amore e sull'odio.

 

 

Come tutta la musica di West By West, l'album è solo apparentemente semplice. Gli strumenti tradizionali sono poco presenti ed i concetti trattati nelle canzoni sono organizzati secondo un percorso ben preciso, che va dalla riflessione sulla fugacità del mondo della canzone di apertura "Furong Garden", alla descrizione delle diverse forme che può assumere la gioia in "Happiness", fino a chiudere pensando al passato e all'impotenza che segue dal passare del tempo nelle due malinconiche canzoni di chiusura, "Wait for Me a Bit" e "Don't Turn Back".

 

"West By West" si rivela così essere una riflessione sulla vita moderna ed un invito all'ascoltatore a rallentare il ritmo e soffermarsi sulle emozioni che prova e che troppo spesso accantona.

 

west-by-west-13.jpg

 

 

Instagram: @west_by_west

Weibo: ~/WestByWest西偏西

Pagina 1 di 2

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android