Il CEO di C4Games Hu Bing ha inviato una lettera ai suoi dipendenti per annunciare che la società è stata ufficialmente acquisita da ByteDance.

L'espansione nei mercati esteri è stata la ragione più importante per cui C4Games ha scelto di aderire a Bytedance. “Crediamo che l'industria globale dei giochi stia esplodendo. In futuro, gli sviluppatori di giochi dovranno servire non solo i giocatori di una regione, ma anche i giocatori globali. Il nostro posizionamento di mercato si adatta molto bene alla visione globale di Nuverse, il marchio di giochi di ByteDance ", ha osservato Hu nella lettera.

 

ByteDance-c4games1.jpg

 

Hu ha individuato tre cose che C4Games deve fare dopo l'acquisizione: comunicare e collaborare completamente con Nuverse, perseguire il completo successo nei progetti di base, così da creare crescita e superare le aspettative, ed infine gettare una solida base per costruire una piattaforma di prima classe per la creazione di giochi.

Nel marzo di quest'anno, ByteDance ha acquisito un'altra società di giochi, Moonton Technology. L’acquisizione adesso di C4Games offrirà alla società l’esperienza necessaria per introdurre i giochi mobili cinesi nei mercati esteri, oltre a compensare la sua lacuna nei giochi di carte e nella Multiplayer Online Battle Arena (MOBA).

ByteDance ha intenzione di acquisire Moonton, società leader nello sviluppo di giochi mobili, ampliando così la sua influenza sul settore. L'azione avverrà per mezzo di Nuverse, l'unità di giochi della società di TikTok e Douyin.

Nuverse nell'ultimo periodo è stata oggetto di uno sforzo di rebranding, con il lancio del nuovo sito web e la pubblicazione e distribuzione di una vasta gamma di giochi, come lo sparatutto Strike Royale ed il gioco competitivo e tattico Terminal Battleground.

 

bytedance.jpg

 

Moonton ha circa 750 dipendenti ed è nota per aver sviluppato Mobile Legends: Bang Bang, uno dei titoli più popolari nel sud-est asiatico, e Magic Push, il miglior gioco su Google Play nel 2015.

La sua acquisizione da parte di ByteDance rappresenta un'altra mossa nella sfida che vede impegnata la società di video e Tencent, di cui uno dei cofondatori di Moonton è stato dipendente.

ByteDance ha fatto il suo ingresso nel settore del gaming nel febbraio del 2019 con il lancio del suo primo gioco all'interno della app Douyin. Da allora ha moltiplicato gli investimenti per fare concorrenza a Tencent, riuscendo gradualmente ad erodere la base di utenti di quest'ultima.

I regolatori cinesi hanno recentemente convocato 11 società tecnologiche nazionali, tra cui Alibaba Group, Tencent e ByteDance per colloqui sull'uso delle tecnologie “deepfake” sulle loro piattaforme.

L'Amministratore del cyberspazio cinese insieme con il Ministero della sicurezza pubblica si sono incontrati con le aziende per parlare di valutazioni sulla sicurezza e potenziali problemi con deepfake e app social audio.

La tecnologia deepfake utilizza l'intelligenza artificiale per creare video iperrealistici ma falsi in cui una persona sembra dire o fare qualcosa che non ha fatto. I regolatori hanno invitato le società a condurre da sole le valutazioni di sicurezza, presentando rapporti al governo quando intendono aggiungere nuove funzioni o nuovi servizi di informazione.

 

deepfake1.jpg

 

I colloqui hanno inoltre riguardato i progetti di sviluppo di app audio simili a Clubhouse portati avanti dalle aziende tecnologiche quali ByteDance.

ByteDance la società proprietaria di Douyin e TikTok, inizierà a produrre autonomamente chip di intelligenza artificiale.

Le intenzioni erano trapelate nei giorni scorsi in seguito ad una serie di annunci di lavoro pubblicati online dove l'azienda ricercava competenze ed esperienze relative alla produzione di semiconduttori. La conferma è arrivata in una dichiarazione in cui la società ha confermato la volontà di espandere le proprie operazioni commerciali nel campo della produzione di chip AI.

 

chip-ai.jpg

 

La mossa di ByteDance si inserisce nel contesto delle crescenti tensioni tra la Cina ed una serie di governi occidentali riguardo alla questioni tecnologiche. Le controversie tra Pechino e
Washington in particolare sono state così accese da far parlare di una “guerra tecnologica” tra i due stati.

Pagina 1 di 4

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android