È innegabile: la pandemia di coronavirus ha trasformato le relazioni tra Cina e resto del mondo, sia a livello di relazioni diplomatiche tra i paesi, sia nei reciproci rapporti tra comunità cinesi immigrate e comunità autoctone.

 

Le esperienze della comunità cinese d'Italia durante la pandemia e gli episodi che hanno caratterizzato questo periodo sono adesso raccontati in “Noi restiamo qui: come la comunità cinese ha vissuto l'epidemia”, il libro pubblicato da Cina in Italia che raccoglie le testimonianze di 20 membri della comunità cinese residenti stabilmente in Italia.

 

5497003_1407_img_1052.jpg

 

Il libro, in lingua cinese ed italiana, è stato curato da Hu Lanbo, residente a Roma dal 1989, ed autrice di due capitoli del libro.

 

Hu racconta che l'idea le è venuta quando una donna italiana, madre di un ragazzo malato di leucemia, l'ha chiamata perché non riusciva a trovare le maschere da far indossare al figlio quando era in ospedale. In quei giorni era difficile reperire maschere, soprattutto nelle taglie per bambini, e la donna ha pensato di chiedere aiuto alla comunità cinese di Roma.

 

Hu non solo ha risolto il problema, offrendo 50 mascherine donate da due donne cinesi che le avevano messe da parte per i propri figli, ma ha anche creato un gruppo di mamme che ha raccolto 10 mila euro che hanno permesso di donare al principale ospedale pediatrico di Roma 20.000 mascherine.

 

Parlando con cinesi delle altre regioni di Italia, Hu è rimasta stupita da come quasi ogni individuo, famiglia od organizzazione delle comunità cinesi avesse vissuto episodi simili, ed ha pensato di raccogliere queste testimonianze: il risultato è “Noi restiamo qui: come la comunità cinese ha vissuto l'epidemia”, un libro che mostra l'affetto dei cinesi per l'Italia ed insegna come la pandemia sia una sfida comune a cinesi ed italiani.

Fondata nel 2011, Zhihu è una piattaforma di domande e risposte sui temi del beauty che nel gennaio 2019 ha raggiunto i 220 milioni di utenti, con oltre 130 milioni di risposte pubblicate.

 

L'alto numero di utenti e la precisione delle risposte ne hanno fatto un punto di riferimento per la comunità, oltre ad essere una potenziale miniera d'oro per il marketing, e non a caso gli sviluppatori nel settembre 2019 hanno introdotto la funzione “Consiglia cose che ti piacciono su Zhihu” che consente di inserire collegamenti ai prodotti venduti sui siti di e-commerce.

 

Il principale motivo per cui i marchi dovrebbero investire su Zhihu è la possibilità di accedere alla comunità del sito.

 

In un mercato competitivo come la Cina i marchi per andare avanti devono intercettare segmenti di mercato medium e premium, e cioè utenti che siano istruiti, interessati ed abbiano un reddito elevato: queste sono per l'appunto le caratteristiche dell'utenza di Zhihu che secondo gli ultimi dati è composta da utenti ben istruiti (oltre l'80% degli utenti ha un diploma di laurea o di scuola superiore) e con alti guadagni: il 76% ha un reddito elevato ed il 30% guadagna oltre 10.000 RMB al mese.

 

Zhihu1-1240x698.jpg

 

Questo pubblico si rivolge alla piattaforma perché sa di trovarvi informazioni di alta qualità e risposte approfondite alle domande e ai dubbi, dunque i marchi possono registrarsi con account verificati ufficiali e costruire la loro base clienti interagendo direttamente con i fan.

 

Questa strategia di marketing ha due vantaggi: da un lato abbatte i costi della pubblicità, dal momento che non richiede strumenti costosi come poster, cartelloni pubblicitari, e dall'altro produce un elevato coinvolgimento del pubblico, perché sviluppa una comunicazione che non è unilaterale, ma fondata sul dialogo tra i consumatori e gli ambasciatori o i dipendenti del marchio, che rispondono ai loro dubbi o propongono argomenti di discussione per incoraggiare il dialogo e le interazioni.

 

Sebbene le potenzialità di Zhihu siano ancora in larga parte da esplorare, i primi riscontri hanno dato buoni risultati e si può ragionevolmente credere che possa diventare un elemento da integrare nella strategia di marketing online, soprattutto nella prospettiva di una crescita a lungo termine del marchio.

Con la diffusione del coronavirus nel mondo, il Consolato Generale Cinese a Houston ha pubblicato quattro poster per incoraggiare la popolazione mondiale a lottare insieme contro l'epidemia.

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android