Dopo averla fondata e diretta per 15 anni Angelica Cheung ha annunciato che lascerà il posto di capo redattrice di Vogue China.

 

La notizia ha agitato le acque nel mondo della moda. Cheung infatti è uno dei nomi più influenti e potenti dell'industria della moda cinese, e molti si sono chiesti quali siano i suoi piani per il futuro. Molti operatori del settore propendono che la giornalista si dedicherà alla consulenza, ma altri ipotizzano voglia invece mettersi alla prova nel campo dei social media e sfidare KOL ed influencer.

 

EE6TWR2UwAArxCk.jpg

 

Vogue China non ha ancora indicato il sostituto di Cheung, che in ogni caso non avrà un compito facile: dal 2019 la testata è cresciuta guadagnando una tiratura di due milioni di copie e 35 milioni di visitatori digitali unici. Numeri impegnativi che il nuovo capo redattore dovrà mantenere ed aumentare.

Kenzo Takada è stato uno dei primi stilisti asiatici a raggiungere i vertici della moda globale, diventando un nome conosciuto da Parigi, a Tokyo, a Shanghai.

 

Dopo essersi trasferito a Parigi nel 1965 è diventato celebre per la popolare linea di fragranze e per gli abiti vivaci, caratterizzati dall'amore per i colori e le stampe.

 

La sua influenza non si è limitata alle passerelle, ma è stata determinante per numerosi stilisti orientali che si sono sentiti incoraggiati dal suo esempio; tuttavia accanto a loro non sono mancati quanto hanno criticato alcune sue scelte, ed ascoltando le diverse voci emerge un ritratto di Kenzo fatto di luci ed ombre.

 

GettyImages-10.jpg

 

William Tang, stilista di Hong Kong

Lo stilista di Hong Kong William Tang ha conosciuto Kenzo a Parigi negli anni '80 ed è rimasto colpito dal fatto che fosse allegro e avesse un sorriso molto largo, fuori dallo stereotipo giapponese.

I suoi disegni non erano complicati come se Kenzo non cercasse di essere innovativo; e tuttavia è stato il primo ad usare elementi cinesi, stampe popolare e a portare elementi giapponesi e cinesi nella moda occidentale. Tang, che riconosce di essere stato fortemente influenzato da lui, ricorda di aver visto durante un suo viaggio in Italia alcuni bambini che indossavano i vestiti di Kenzo, e di aver pensato che quella fosse la dimostrazione che anche gli stilisti orientali potevano avere successo in Europa.

 

GettyImages-11.jpg

 

Angelica Cheung, redattrice capo di Vogue China

Anche secondo la redattrice capo di Vogue China il grande merito di Kenzo è stato di essere fonte di ispirazione per generazioni di stilisti asiatici, compresi quelli emergenti dalla Cina: vederlo guadagnare il successo commerciale ed il rispetto in Europa ed altrove ha infatti consolidato l'opinione di molti giovani che il successo fosse a portata di mano, a condizione di avere talento ed essere disposti a lavorare sodo.

Secondo Cheung Kenzo è stato il primo ad abbattere le barriere culturali, creando un mondo globale in cui l'elemento più importante era il talento e l'inventiva e non più il paese di provenienza degli stilisti.

 

GettyImages-12.jpg

 

Gene Krell, direttore creativo di Vogue Japan e GQ Japan

Di diversa opinione è invece il direttore creativo di Vogue Japan Gene Krell, che pur riconoscendo il talento dello stilista ed ammettendo che sia stato un pioniere, ne ridimensiona l'influenza. Krell infatti pensa che le creazioni di Kenzo fossero molto legate al loro tempo, ed abbiano avuto successo perché erano ciò di cui le passerelle parigine avevano bisogno in quel momento. Inoltre secondo lui Kenzo era rappresentativo soltanto del suo marchio, e non della società giapponese, che addirittura considerava irrispettose alcune sue scelte, come chiamare "Jungle Jap" la boutique parigina aperta dallo stilista a Parigi negli anni '70.

Le modelle asiatiche si stanno imponendo sulle passerelle mondiali.

Oltre a Liu Wen, che il pubblico della moda è unanime nel riconoscere come la più famosa, ce ne sono altre che hanno partecipato ad importanti spettacoli e la cui fama sta crescendo fuori dalla cerchia degli appassionati.

Ecco le cinque modelle più presenti nelle sfilate di tutto il mondo.

 

csm 01.jpg

 

1 Liu Wen

Liu Wen è ormai universalmente riconosciuta come la più importante modella asiatica.
La sua carriera è costellata da primati: è stata la prima modella cinese ad apparire sulla copertina di Vogue America, e nel 2009 la prima a percorrere la passerella di Victoria's Secret.
La consacrazione è arrivata nel 2014, quando Forbes l'ha inclusa, quale unica top model asiatica, nella lista dei modelli più pagati al mondo.

 

csm 2.jpg

 

2 Fei Fei Sun

Dal suo esordio per Karl Lagerfeld, la carriera di Fei Fei Sun non si è mai fermata: la modella è apparsa in 40 copertine di riviste, tra le quali Vogue Italia, dove è stata l'unica artista asiatica nel 2013, ed ha realizzato 399 spettacoli, tra cui la sfilata Valentino 2020 di alta moda.
Quello con Valentino d'altra parte è un legame consolidato, dal momento che lo stilista l'aveva scelta per essere il suo primo volto asiatico.

 

csm 3.jpg

 

3 Du Juan

La carriera di Du Juan inizia nel 2005 quando sfila per Diane Von Furstenberg ed appare su Vogue Francia, fino al 2013, quando decide di prendersi una pausa per dedicarsi al cinema.
Il film più celebre è “American Dreams in China” ma Du Juan ha recitato in altri nove film e due cortometraggi.
Nel 2019 ha fatto ritorno in passerella, chiudendo la sfilata della collezione autunno di Valentino a Pechino.

 

csm 4.jpg

 

4 Xiao Wen Ju

Xiao Wen Ju ha al proprio attivo quasi 300 spettacoli e 41 copertine di riviste, nonché la campagna pubblicitaria della Nike nel 2019.
Un episodio importante e curioso della sua carriere sono stati gli scatti fatti nel 2015 a Parigi, quando è stata ritratta per Valentino in compagnia di Derek Zoolander (Ben Stiller) e Hansel Close (Owen Wilson).

 

csm 5.jpg

 

5 He Sui

Essere stata la seconda modella cinese ad aver sfilato per Victoria's Secret ha aiutato He Sui a far crescere la sua popolarità: il suo account Instagram conta 1,5 milioni di follower.
Tra i 139 spettacoli a cui ha partecipato, uno dei più importanti è stata la sfilata di Ralph Lauren, che He Sui ha aperto quale prima modella orientale.

Il marchio del lusso Burberry ha annunciato che collaborerà con il reality show “Street Dance of China”.

 

Street Dance of China” è il primo reality show del paese a concentrarsi sulla danza di strada, e prevede la partecipazione di quattro celebrità che si sfidano l'una contro l'altra con la propria squadra di ballerini, selezionati tra 400 concorrenti. Le precedenti edizioni hanno avuto buoni riscontri sulla piattaforma di recensioni Douban, guadagnando rispettivamente la prima stagione un punteggio di 8,7/10, mentre la seconda di 8,8/10.

 

DZ683GiW4AALnSu.jpg

 

Si comprendono perciò le aspettative per la terza stagione, che avrà come protagonisti Jackson Wang e Wang Yibo, e l'interesse di Burberry per lo show. La collaborazione del marchio si tradurrà in diverse forme, come brevi video e live streaming che saranno rilasciati a luglio sul sito di video cinesi Youku.

 

La decisione di Burberry è il segnale di un cambio di tendenza del marchio tanto verso i reality show, quanto verso una fetta di consumatori più giovane, che è il principale target dello spettacolo. Con questa mossa il marchio spera di migliorare la propria situazione economica, che è caratterizzata da un calo dei profitti di circa il 57% su base annua per l'anno fiscale 2020, e sulla quale pesa la chiusura di circa il 60% dei negozi nel primo trimestre del 2021.

 

KPOP-47.jpg

 

Anche altri marchi stanno puntando la loro attenzione sui consumatori più giovani, con strategie diverse. Nike ad esempio ha scelto di sponsorizzare la seconda stagione dello spettacolo cinese “Youth with You”, i cui candidati si allenavano indossando magliette del marchio, mentre Prada e Delvaux hanno aperto negozi virtuali sulla piattaforma Taobao.

 

Il negozio di Prada in particolare ha avuto un buon successo di pubblico: in poco tempo ha superato i 100.000 abbonati, che possono essere informati delle novità del marchio e sono quindi una potenziale base di clienti.

Pagina 1 di 3

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android