Al Museo d’Arte Cinese di Parma, ogni giovedì di luglio, verranno svelate tradizioni e usanze delle culture extraeuropee


Dopo la rassegna on-line dedicata alle favole nel mondo ogni giovedì di giugno, molto gradita non solo dai bambini, il Museo d’Arte Cinese di Parma è pronto per presentare una nuova iniziativa. Per il mese di luglio è infatti in programma “Riti e usanze dal mondo” che ogni giovedì porterà alla scoperta di popolazioni lontane.

 

“L’obiettivo - afferma Chiara Allegri, responsabile eventi e marketing - è quello di svelare le culture extraeuropee, delle quali il Museo conserva pezzi pregiati, divulgando conoscenze, riti e tradizioni di Paesi lontani e proprio per questo motivo incredibilmente affascinanti”.

 

eee (2).jpg

 

La rassegna sarà disponibile sulla pagina Facebook del Museo: cinque appuntamenti, dal 2 al 30 luglio. Protagoniste le zone in cui hanno operato i missionari Saveriani: Cina, Africa sub sahariana, Giappone, Amazzonia, America.

 

Si partirà il 2 luglio con il Giappone: “Geisha. Fascino femminile millenario”, il 9 tocca alla Cina con “La calligrafia tra arte e natura”, mentre il 16 luglio sarà la volta dell’Amazzonia con “La cosmogonia del popolo Kayapò”. Gli ultimi due appuntamenti di luglio approfondiscono due temi che ci portano in Africa: il 23 “L’arte africana e la sua interpretazione” e infine il 30 “Il Bwami, la setta segreta dei Lega”.

 

eee (3).jpg

 

E già sono in cantiere nuove date per ulteriori approfondimenti che andranno a stuzzicare la nostra curiosità su rituali e usanze di Cina, Giappone e Amazzonia.

 

Con la riapertura il museo si è arricchito di un nuovo strumento per la trasmissione del sapere: ai visitatori verrà infatti offerta la possibilità di intraprendere un viaggio tra le collezioni, mediante l’impiego dell’app MuseOn. Facilmente scaricabile sul proprio dispositivo (smartphone o tablet) una volta arrivati al museo, funziona comodamente senza l’utilizzo di internet e permetterà di vivere una visita guidata personalizzata, tra schede didattiche, audio e video, per favorire l’incontro tra il visitatore e le molteplici culture del mondo che il Museo ospita, permettendo inoltre di rimanere aggiornati sulle iniziative future.

 

Le visite guidate sono riprese, in sicurezza e per piccoli gruppi di massimo sei persone (costo di 5 euro a persona), previa prenotazione a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o contattando il numero 0521 257337.

La pandemia amplifica lo scontro tra Usa e Cina e accelera le scelte che l'Europa non avrebbe voluto compiere. Washington si muove anche sull'Italia.

 

di Lorenzo Lamperti

 

C'era una volta chi la chiamava guerra commerciale. Gli effetti di lungo termine della pandemia da coronavirus sono ancora imperscrutabili ma una cosa intanto la si può dire con certezza: ha accelerato in maniera netta tutta una serie di processi già in atto. Tra questi, il più rilevante a livello geopolitico, la contesa tra Stati Uniti e Cina. Offuscati da un pensiero economicista, in molti l'hanno chiamata a lungo "trade war". Poi è diventata "guerra fredda tecnologica". Ora, dopo le accuse dirette dell'amministrazione Trump sull'origine del coronavirus, è venuta fuori la vera portata di uno scontro che va al di là del campo economico-commerciale-tecnologico e che investe la geopolitica, il potere, la leadership globale.

 

Continua a leggere su: https://www.affaritaliani.it/esteri/coronavirus-trump-cina-usa-italia-669886.html?refresh_ce

Via della Seta sanitaria e tecnologia 5G: la pandemia può cambiare gli equilibri della sfida globale tra Usa e Cina

di Lorenzo Lamperti

Ora che Italia ed Europa sono il nuovo epicentro della diffusione della pandemia da COVID-19, è difficile pensare al futuro, a quello che verrà dopo che l'emergenza sarà finita. Eppure un dopo ci sarà, probabilmente diverso dal presente. Un dopo di maggiore consapevolezza dei rischi di un'epidemia globale e della necessarietà di alcune piccole precauzioni quotidiane (come, per esempio, mascherine o gel, da tempo strumenti di massa nelle società orientali). Un dopo di maggiore controllo e di minore privacy, attraverso l'utilizzo dei nuovi strumenti tecnologici. E anche gli equilibri geopolitici potrebbero cambiare, forse non nel modo che in molti prevedevano all'inizio della crisi, quando l'emergenza veniva ancora chiamata "virus cinese".

Continua a leggere su: https://www.affaritaliani.it/esteri/coronavirus-cina-usa-geopolitica-658870.html

Pechino, pur tra errori, ritardi e un alto prezzo sanitario ed economico, si avvia alla ripresa. Ora sono Europa e Usa a tremare

Pagina 1 di 2

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android