Science Fiction World, la prestigiosa rivista di fantascienza cinese, si è scusata per aver pubblicato un articolo che ha scoperto essere il plagio di un racconto di Stepehen King.

Si tratta di “Masterless” dello studente di design Li Qingzhi. Apparso sul numero di febbraio, il racconto parla di un gruppo di estranei in una trattoria per camionisti che devono sopravvivere dopo che i camion nelle vicinanze iniziano ad uccidere gli esseri umani dopo essere stati posseduti dal male.

 

plagio-king1.jpg

 

Il racconto era una delle proposte per il Galaxy Award, il più prestigioso premio di fantascienza della Cina, ma dopo la pubblicazione gli editori si sono accorti che la trama ricalca quella di “Trucks” un racconto dell'antologia di King del 1978 Night Shift.

In un post sui social media la rivista si è scusata per l'accaduto dichiarando di aver annullato il pagamento per il pezzo e la sua idoneità al premio.

Problemi per Rabbit Duck il celebre personaggio cinese dei cartoni animati: secondo molti assomiglia troppo a Miffy, una figura di coniglio creata 70 anni fa dall'artista olandese Dick Bruna.

 

rabbitduck.jpg

 

La somiglianza è saltata agli occhi ai visitatori della mostra su Rabbit Duck che si è tenuta lo scorso gennaio a Guangzhou. In quell'occasione è stata esposta una immagine di Rabbit Duck dove il personaggio indossa un pezzo unico e che lo fa essere quasi identico alla figura classica di Miffy, da cui si distingue per avere un becco di anatra piuttosto che una croce per bocca.

Il padre di Rabbitduck Feng Feng, che insegna all'Accademia cinese di Belle Arti di Guangzhou, ha respinto le accuse. In un post su Weibo ha spiegato di essersi ispirato alla famosa illusione per cui un disegno può essere percepito come un coniglio oppure come un'anatra, concetto che ha rielaborato fino ad arrivare al popolare personaggio.

 

rabbitduck2.jpg

 

La risposta non ha tuttavia convinto i netizen ed ha alimentato una discussione che è stata notata da Mercis Publisher l'editore di Miffy con sede nei Paesi Bassi. L'organizzazione ha preso contatti con Feng Feng inviandogli una lettera di cui non si conosce il contenuto, ma nella quale il professore è invitato ad affrontare la questione con i proprietari dei diritti su Miffy.

Cattive notizie per il film The Yin-Yang Master: Dream of Eternity attualmente proiettato in Cina. Molti spettatori hanno notato che la pellicola include scene molto simili a quelle del film Doctor Strange del 2016, arrivando ad accusare il regista Guo Jingming di plagio.

 

guo-jingming.jpg

 

La polemica è nata su Weibo per poi estendersi alla piattaforma di recensioni Douban. Gli utenti hanno individuato sei scene nel film di Guo praticamente identiche al film Marvel, come ad esempio il cerchio magico usato dal protagonista che ha lo stesso colore e dimensioni di quello evocato da Doctor Strange.

 

Doctor-Strange.jpg

A scatenare i netizen sono stati anche i trascorsi del regista. Guo Jingming è una figura controversa, che in passato era stato coinvolto in scandali di plagio e che di recente è tornato al centro di polemiche per essere stato ospite della trasmissione Everybody Stand By. 111 professionisti dell'industria di film e TV hanno criticato la partecipazione di Guo in una lettera aperta in cui hanno condannato scelte di questo genere perché dannose per l'educazione dei giovani.

Le trasmissioni televisive non dovrebbero ospitare personaggi coinvolti in scandali di plagio.

È questa la richiesta della lettera che più di 100 addetti ai lavori dell'industria televisiva cinese hanno scritto dopo aver visto i reality show I am the Actor e Everybody Stand By. Ai due spettacoli avevano partecipato Yu Zheng e Guo Jingming, due personaggi noti in Cina per essere stati condannati per furto di idee.

 

i am the actor.jpeg

 

I due, pure in presenza di una sentenza, non hanno mai ammesso il loro comportamento, né si sono scusati. Invitarli in reality show aperti ad aspiranti lavoratori nel settore dello spettacolo ha perciò disgustato gli altri professionisti, che hanno deciso di prendere posizione.

La lettera è stata scritta da 111 sceneggiatori, registi e produttori che hanno protestato dicendo che ospitare Yu Zheng e Guo Jingming significa riconoscere loro il ruolo di modelli e mentori, con conseguenze negative per la formazione dei giovani e per la società.

La lettera ha ricevuto il sostegno degli utenti di Weibo, che hanno scritto numerosi commenti a supporto della richiesta, a dimostrazione di come il problema del plagio sia fortemente sentito in Cina.

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android