Gli architetti di MAD guidati da Ma Yansong hanno divulgato il piano generale ed il design architettonico per il Parco culturale della baia di Shenzhen.

 

MAD-architects-shenzhen-bay-culture-park-china-designboom-2.jpg

 

Incastonato tra la città ed il lungomare, il parco è pensato come un luogo in cui si sovrappongono antico e futuro, in un'atmosfera surreale per i visitatori. Il complesso, che sarà pronto per il 2023, si estenderà su un'area approssimativa di 51.000 metri quadrati e comprenderà strutture come una “sala del design creativo” ed il “museo della scienza e della tecnologia” di Shenzhen, oltre ad un ampio spazio di verde pubblico sul lungomare.

 

MAD-architects-shenzhen-bay-culture-park-china-designboom-02.jpg

 

Nelle intenzioni degli architetti il luogo non serve solo come uno spazio pubblico aperto 24 ore su 24, ma anche come un luogo di esibizione ed un'area espositiva: al centro del parco si svilupperà una piscina a specchio che formerà un anfiteatro capace di ospitare fino a 10.000 persone, mentre più piattaforme collocate all'interno del paesaggio fungeranno da luoghi di esibizione all'aperto e da aree espositive d'arte.

 

MAD-architects-shenzhen-bay-culture-park-china-designboom-05.jpg

 

Tutte le costruzioni presentano tetti leggermente inclinati che cadono naturalmente sul terreno, formando cortili affondati di altezza continua che attraversano il parco. Ai lati opposti dell'asse nord – sud sorgeranno due padiglioni che avranno l'aspetto di pietre monumentali lisce; all'ultimo piano del padiglione sud si aprirà una piattaforma che offrirà ai visitatori la panoramica sulla baia di Shenzhen e sullo skyline della città.

L'intensa atmosfera urbana di Shenzhen è lo scenario a cui lo studio Doarchi ha guardato per la “Torre a spirale”. Il progetto infatti è stato concepito per rispondere all'area fortemente urbanizzata, che è stato il riferimento degli architetti in fase di progettazione analogamente al contesto rurale su cui la torre insiste.

 

spr 1.jpg

 

La “Torre a spirale” è situata in una zona rurale ad alta quota, caratterizzata da una vasta distesa di terra circondata da montagne. La torre di osservazione si affaccia su un serbatoio vicino e si sviluppa come un'ascensione semplice e diretta che consente al visitatore di sperimentare la natura da diverse altezze.

 

spr 2.jpg

 

Il visitatore è accolto da un interno vertiginoso e pieno di luce che si estende per l'intera altezza e salendo può godere di viste continue e fluenti, che si spostano tra il paesaggio distante ed il serbatoio adiacente. L'ambiente naturale circostante è inquadrato in modo cinematografico in virtù della forma a spirale di 810 gradi della struttura.

 

spr 3.jpg

 

I musei cinesi stanno riaprendo al pubblico, ma molte mostre che erano state spostate online sono ancora visibili.

Queste sono le sei più interessanti.

 

mostr 1.jpg

 

An ode to the Time-Honored Architecture

Jiushi Art Museum – Shanghai

 

Situato al sesto piano di un moderno edificio in stile rinascimentale al n. 27 del Bund, lo Jiushi Art Museum si è aggiunto relativamente di recente ai luoghi dell'arte di Shangai. Ospita mostre che ruotano intorno ai cambiamenti storici del Bund di Shanghai, ed è così anche per la mostra attuale “An ode to the Time-Honored Architecture”, una raccolta di dipinti di edifici storici nella moderna Shanghai.

 

mostr 2.jpg

 

Museo del Palazzo – Pechino

 

Il Museo del Palazzo di Pechino è la massima espressione dell'architettura tradizionale cinese. Rimasto chiuso negli ultimi tre mesi a causa dell'epidemia di coronavirus, il Palazzo ha riaperto al pubblico, ma resta ugualmente visitabile online: oltre al tour panoramico virtuale del palazzo è possibile gustarsi la collezione digitalizzata degli oltre 400.000 manufatti imperiali.

 

mostr 3.jpg

 

40 Years of Humanizing Technology

Shenzhen

 

La prima rete di computer è stata accesa appena 50 anni fa, ed oggi oltre 4,5 miliardi di persone sono connesse ad Internet. La mostra “40 Years of Humanizing Technology”è stata progettata dalla Central Academy of Fine Arts di Pechino, dalla Design Society e da Ars Electronica e raccoglie opere di artisti che esplorano l'influenza della digitalizzazione sul pensiero, il processo decisionale, l'industria e le infrastrutture di governo.
Allestita a Shenzhen la mostra è stata prorogata fino all'11 ottobre, ma in linea con il suo tema è fruibile anche dai visitatori virtuali.

 

mostr 4.jpg

 

Art is Still Here: A Hypothetical Show for Closed Museum

M Woods – Pechino

 

Allestita dal museo M Woods di Pechino,“Art is Still Here: A Hypothetical Show for Closed Museum” più che una mostra è un insieme di mostre passate di artisti come David Hockney, Lu Yang e Andy Warhol.
È fruibile sui social tradizionali come Weibo, WeChat e Instagram, ed inoltre può essere visitata anche dai giocatori di “Animal Crossing”.

 

mostr 5.jpg

 

Art Central

Hong Kong

 

Quelle dell'Art Central di Hong Kong sono mostre di importanti artisti contemporanei esposti insieme a nomi affermati del mondo dell'arte. Sebbene annullata, l'edizione 2020 non è andata completamente perduta: molte delle opere sono disponibili online, come quelle dell'illustratore della Disney KAWS, oppure le astrazioni geometriche di Peter Yuill.

 

mostr 6.jpeg

 

Buddha's Light of Wei e Tang Dynasties: The Essence of Cultural Relics from Longmen Grottoes

Museo del Guangdong – Guangzhou

 

Le Grotte di Longmen ospitano decine di migliaia di statue del Buddha Shakyamuni e dei suoi discepoli, e sono uno dei migliori esempi di arte buddista cinese.
Il sito si trova a 12 km a sud dell'attuale Luoyang nella provincia di Henan e nel 2000 è stato inserito nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO. La mostra ospitata al Museo del Guangdong ospita 85 pezzi insieme a dipinti scolpiti nella pietra e a modelli stampati in 3D, e, per chi volesse andarci di persona, sarà aperta fino ad agosto.

Nuovi servizi super efficienti in programma per il sud della Cina.

Pagina 1 di 3

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android