Tencent ha annunciato lunedì una nuova collaborazione con la casa automobilistica tedesca Audi con l’obiettivo è di sviluppare un ecosistema digitale intelligente ed interconnesso da installare sui veicoli del futuro.

Le automobili Audi in Cina potranno così utilizzare numerosi servizi digitali Tencent, come WeChat, QQ Music e Tencent Map.

 

audi-tencent.jpg

 

La piattaforma WeChat per auto di Tencent è stata presentata per la prima volta nell’agosto del 2019 e consente ai conducenti di controllare ed inviare messaggi, effettuare chiamate e inviare la loro posizione senza staccare le mani dal volante.

La collaborazione con Tencent segue quelle già firmate da Audi con altre società tecnologiche cinesi e conferma l’intenzione della casa automobilistica di sviluppare progetti per produrre veicoli intelligenti.

Commando la famosa emoji della testa con elmetto e sigaro di WeChat ha smesso di fumare. Lo ha annunciato Tencent, la società a cui fa capo WeChat, in un post apparso domenica su Weibo.

Tencent ha incluso uno screenshot dove confronta la libreria emoji prima e dopo l'intervento, ed è facile individuare le differenze tra le due versioni: adesso alla testa con elmetto manca il caratteristico sigaro.

 

wechat.jpg

 

WeChat non ha spiegato i motivi della sua decisione, tuttavia è risaputo che sono anni che la app subisce pressioni per la sua messaggistica relativa al tabacco. La Bejing Tobacco Control Association in particolare ha più volte segnalato l'emoji come inappropriata, perché il suo uso per trasmettere un messaggio di totale relax poteva essere un visto come incoraggiamento al fumo, soprattutto da parte degli utenti più giovani.

La notizia è stata perciò accolta con favore dalla associazione, ed è immediatamente diventata di tendenza su Weibo.

Per la sua versione 8.0.0 WeChat ha deciso di rinnovare completamente la raccolta delle emoji, suscitando le proteste degli utenti.

Di solito WeChat aggiungeva immagini, aumentando così le possibilità di scelta degli utenti, senza toccare quelle vecchie, che restavano disponibili. In questo caso ha operato diversamente, sostituendo tutta la libreria di emoji, una cosa che non è piaciuta e che ha portato anche a manifestazioni in strada.

 

wechat.jpg

 

Poco dopo il rilascio dell'aggiornamento tre artisti di Guangzhou si sono riuniti fuori dalla sede aziendale di WeChat per protestare contro il fatto che la piattaforma imponga cambiamenti estetici ai suoi utenti senza prima consultarli.

I manifestanti portavano cartelli con immagini che mettevano a confronto le vecchie e le nuove emoji, insieme con slogan colorati che riportavano le lamentele degli utenti come la richiesta: “voglio cuori rossi, non cuori di cemento”.

Il 25 gennaio il Ministero indiano dell'elettronica e della tecnologia dell'informazione ha vietato in modo permanente 59 applicazioni cinesi, tra cui TikTok di Bytedance, WeChat di Tencent e Baidu.

Le app erano state vietate in modo temporaneo nel giugno 2020. Le aziende erano state invitate a rispondere ad un questionario dettagliato inviato dal ministero per spiegare in che modo avrebbero rispettato i requisiti di privacy e sicurezza dell'India.

 

bando-india1.jpg

 

Le risposte fornite non hanno soddisfatto il governo che di conseguenza ha reso permanente il divieto.

Un portavoce di TikTok ha dichiarato che la tutela della privacy e della sicurezza degli utenti è prioritaria per la società, che è stata tra le prime ad impegnarsi per rispettare la direttiva emanata dal governo lo scorso anno. Bytedance valuterà pertanto l'avviso delle autorità indiane per rispondere in modo appropriato alle richieste.

Pagina 1 di 4

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android