in News

La divisione cinema di Alibaba prevede forti perdite per il 2020

Di Pubblicato Aprile 21, 2020

Alibaba Pictures, la divisione intrattenimento del gruppo Alibaba, ha dichiarato di aspettarsi una perdita di almeno $ 155 milioni, in notevole aumento rispetto alla situazione al 31 marzo 2019, quando chiuse il bilancio con una perdita di circa $ 35,6 milioni.

 

Nel comunicato l'aumento della perdita è stato attribuito all'impatto del coronavirus e a non meglio precisate “complicate difficoltà” nel settore dell'intrattenimento nella Cina Continentale.

 

Sono note le conseguenze del coronavirus sul settore cinematografico, principalmente per quanto riguarda la chiusura delle sale iniziata dalla fine di gennaio in ragione delle misure di distanziamento sociale; per quanto riguarda invece le complicate difficoltà presumibilmente il comunicato si riferisce alle politiche sul settore introdotte nel 2019.

 

bingbing_fan.jpg

 

La prima è legata allo scandalo per elusione fiscale che nel 2018 ha investito l'attrice Fan Bingbing, nota fuori dalla Cina per il ruolo di Blink nel settimo film della saga degli X-Men “X-Men Giorni di un futuro passato”. L'attrice era stata multata per aver cercato di pagare meno tasse sul compenso di un film cinese con il sotterfugio dei cosiddetti contratti “yin / yang”: aveva cioè firmato due contratti, uno segreto con il vero compenso ricevuto, ed un altro ufficiale trasmesso al fisco dove risultava un compenso più basso.

 

Al fine di prevenire il ricorso a questo genere di pratiche è stato introdotto un nuovo regime fiscale che ha portato diverse compagnie cinematografiche cinesi a sostenere ingenti pagamenti di imposte arretrate.

 

Il Partito Comunista ha poi intrapreso una politica interventista, costituendo una nuova autorità di controllo sul settore alle dirette dipendenze del Dipartimento di propaganda. L'obiettivo dell'autorità è spingere l'industria a realizzare film patriottici, bloccando l'uscita in sala di pellicole con argomenti diversi. Sebbene il botteghino abbia guadagnato il 5% nel 2019 ed i film cinesi abbiano ampliato la loro quota di mercato, il ritmo di crescita è stato più lento rispetto al tasso di nuove aperture del cinema.

 

Alibaba Pictures aveva emesso un avvertimento sui profitti già ad ottobre, quando l'epidemia di coronavirus non era prevedibile né immaginabile. Tuttavia, le misure di prevenzione del contagio possono rappresentare anche un'opportunità per la divisione.

 

wei-zhang_alibaba-pictures.jpg

 

Alibaba Pictures infatti potrebbe consolidare la sua posizione come infrastruttura digitale e società di marketing e distribuzione, più che come produttore cinematografico, dal momento che già possiede quote di investimento e gestisce la distribuzione in Cina di film. Essa inoltre potrebbe godere del rapporto con la società madre Alibaba, che ha visto un forte incremento dei suoi affari nel commercio elettronico, nella consegna a domicilio e nello streaming video.

 

Ed è proprio sulla base di un rafforzamento della collaborazione con il gruppo Alibaba che Alibaba Pictures rimane ottimista sulle operazioni in ciascun segmento per l'esercizio finanziario 2020 – 2021.

Letto 3325 volte

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android