Stampa questa pagina
in News

Gli scatti di Chen Wei portano l'alienazione nei nightclub

Di Pubblicato Marzo 11, 2021

Per tutti noi andare nei nightclub è un modo per staccare dalle preoccupazioni della vita moderna, un momento in cui grazie alle luci stroboscopiche ed ai bassi martellanti lo spazio ed il tempo sono sospesi. Non è così invece per Chen Wei: per il fotografo cinese l'inquietudine della vita quotidiana non ci abbandona mai.

 

 

Chen crede che la commercializzazione di massa e la digitalizzazione abbiano privato il mondo di oggi della felicità e rappresenta questi concetti nei suoi scatti. Per lui i nightclub sono società in miniatura. Persone di ogni estrazione sociale si riuniscono con la promessa di divertirsi ma un senso di disagio continua ad accompagnarli, ed è questo che la sua serie Noon club vuole rappresentare.

 

chen-wei-4.jpg

 

Noon Club offre le diverse prospettive di una serata fuori. Le immagini inquadrano le piste da ballo affollate, per stringere su primi piani o dettagli dei singoli frequentatori dei nightclub, o mostrare le sale vuote alla fine della serata. Ogni scena cattura le ansie e la solitudine dei giovani cinesi che cercano nei movimenti il modo per placare le loro emozioni.

 

chen-wei-3.jpg

 

Chen non ha scattato le fotografie in locali reali. Modelli e modelle sono stati invitati in uno studio dove senza nemmeno avere musica in sottofondo sono stati incaricati di festeggiare tra le luci e la nebbia avvolgente. Alcuni ballerini sono coinvolti, mentre altri sembrano decisamente persi. È questo che vuole dire Chen: non è possibile liberarsi completamente dal peso della realtà neppure nei momenti di festa.

 

chen-wei.jpg

 

Chen prepara con cura il set degli scatti, progettando la scenografia e scegliendo la luce giusta per evocare uno stato d'animo preciso; presta inoltre molta attenzione alla disposizione delle stampe nelle gallerie, valutando il modo in cui le sue opere sono illuminate o incorniciate. In questo modo, spera di trasmettere con chiarezza agli spettatori la sua idea dei nightclub come luoghi di incertezza, dove le emozioni sono troppo volatili per essere espresse solo con le parole.

Letto 2394 volte Ultima modifica il Giovedì, 11 Marzo 2021 08:55