Gli investitori stranieri sono ora autorizzati a stabilire luoghi di intrattenimento in Cina senza restrizioni agli investimenti o partner locali, secondo i nuovi emendamenti legali.

Questo apre le porte a futuri cinema di proprietà interamente straniera nel più grande mercato cinematografico del mondo. Potrebbe anche essere una grande novità per le società di intrattenimento statunitensi che desiderano gestire parchi a tema nel paese. Le regole precedenti richiedevano loro di collaborare per formare joint venture con aziende locali, come fece Disney per aprire il suo redditizio parco a tema Shanghai Disneyland e come Universal fu obbligata a fare per il suo parco a tema quasi completato vicino a Pechino.

 

Shanghai-Disney-Resort-ok2.jpg

 

I regolamenti precedenti prevedevano che gli investitori stranieri potessero partecipare all'attività dei luoghi di intrattenimento solo tramite joint venture o cooperazione con controparti locali in cui una parte cinese agisse come azionista di controllo. Ora afferma semplicemente che "gli investitori stranieri possono stabilire luoghi di intrattenimento in Cina in conformità con la legge".

Questo cambiamento nella formulazione sembra formalizzare ulteriormente un precedente emendamento legale del 2019 che in linea di principio consentiva agli investitori stranieri di possedere interamente i cinema. La nuova formulazione estende la politica anche a tutti i luoghi di intrattenimento, non solo ai cinema.

Sebbene siano trascorsi molti anni dall'età dell'oro del cinema di Hong Kong negli anni '80 e '90, i film girati a Hong Kong rappresentano ancora oggi la cultura locale e, allo stesso tempo, ispirano una nuova generazione di giovani artisti locali. Quist Tsang è tra loro. Piena di vitalità, nel suo ruolo di fotografa e artista visiva apporta una creatività d'avanguardia al design dei suoi poster cinematografici e alla fotografia di scena.

 

L'undicesimo Beijing International Film Festival, che si terrà dal 14 al 21 agosto di quest'anno, ha aperto le iscrizioni a partecipanti da tutto il mondo.

I candidati possono inviare online i film per le sezioni "Tiantan Award", "Beijing Film Panorama" e "Forward Future" fino al 20 maggio.

Il Tiantan Award premierà diverse categorie, tra cui miglior film, miglior regista, miglior attore, migliore attrice, miglior attore non protagonista, migliore attrice non protagonista, migliore sceneggiatura, migliore fotografia, migliore musica e migliori effetti visivi.

 

int-film-fest.jpeg

 

I film iscritti al Beijing Film Panorama saranno proiettati nelle sale e nelle istituzioni accademiche cinematografiche di Pechino durante il festival.

Infine il Forward Future mira a scoprire nuovi volti nel cinema, cogliere le tendenze nello sviluppo dell'industria cinematografica globale, incoraggiare l'innovazione nel cinema e mostrare la diversità culturale nell'arte cinematografica.

Gli organizzatori del BJIFF invitano anche rinomati registi a formare una giuria internazionale.

Questa settimana Sara Lemlem ha intervistato il regista italocinese che ha presentato il suo corto nella Settimana internazionale della critica di Venezia 2020.

Xin Alessandro Zheng è un regista italocinese che nel 2020 ha presentato alla Settimana internazionale della critica, sezione della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, il suo cortometraggio Where the leaves fall.

 

Continua a leggere su https://www.nuoveradici.world/cultura/new-roots-per-xin-alessandro-zheng-questo-e-lanno-del-cinema-dasia/

Pagina 1 di 13

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android