L'incontro di revisione finale per le cinque città cinesi in lizza per il titolo di Culture City of East Asia 2022 si è svolto a Pechino il 10 maggio.

Le cinque città sono Taiyuan dalla provincia di Shanxi, Wenzhou dalla provincia di Zhejiang, Jinan, Zibo e Yantai dalla provincia di Shandong.

Il vice ministro cinese della cultura e del turismo Zhang Xu ha parlato all'incontro lodando il programma Culture City of East Asia. Da quando è stato istituito nel 2012 la Cina ha selezionato ogni anno due città, e questa iniziativa ha suscitato entusiasmo per le candidature e ha migliorato le prestazioni complessive del programma stesso.

 

Cinque città cinesi1.jpeg

 

I rappresentanti di cinque città candidate hanno tenuto presentazioni incentrate sui risultati delle loro città nella costruzione della città, nell'istituzione del sistema culturale e nei piani di sviluppo futuro. Hanno inoltre risposto alle domande di esperti di vari settori, tra cui costruzione di marchi urbani e pianificazione urbana, scambi culturali esterni, servizi culturali pubblici, eredità e conservazione del patrimonio culturale immateriale, protezione e utilizzo di cimeli culturali, nonché industrie culturali e turistiche.

Il programma Culture City of East Asia è stato proposto per la prima volta dai ministri della cultura di Cina, Giappone e Corea del Sud durante la terza conferenza ministeriale a Nara, in Giappone, nel gennaio 2011. Dal 2012 ad oggi la Cina ha designato nove città.

Grande successo di pubblico per il film di animazione cinese The Legend of Hei in Giappone.

Il film racconta la storia di Xiao Hei, uno spirito gatto costretto ad abbandonare la sua casa dopo la distruzione della foresta dove abitava da parte degli uomini. Intraprende così un avventuroso viaggio alla scoperta di sé che lo porta fino alla città degli uomini.

 

joy-pictures-the-legend-of-hei.jpg

 


I produttori avevano previsto una distribuzione che coinvolgesse il Nord-America, dove si erano affidati a Shout! Studios, e Giappone, dove inizialmente quasi nessun cinema si è reso disponibile per proiettare The Legend of Hei.

È difficile che una animazione estera incontri i gusti del pubblico, per questo l'accordo prevedeva che fossero i distributori a farsi carico dei costi in caso di scarsa affluenza di pubblico.

Non è stato così. Le proiezioni hanno fatto il tutto esaurito, convincendo i cinema a prolungare la permanenza del film nelle sale.

Si svolgerà dal 24 novembre al 18 dicembre "Occidente verso Oriente. Cina e Giappone" un ciclo di sei conferenze online per conoscere la cultura dei due paesi.

 

La manifestazione è organizzata dall'Associazione Art di Bolzano Bozen e vedrà la presenza di esperti e docenti di prestigiose università italiane ed estere che approfondiranno temi come i costumi, la letteratura e la musica di Cina e Giappone, fornendo le chiavi per ampliare la comprensione dei due paesi.

 

Gli incontri si svolgeranno alle ore 18 nel periodo dal 24 al 18 dicembre secondo questo programma

 

• Martedì 24 novembre – ore 18

Enrico Sartori, La musica occidentale e cinese in Cina: breve exscursus storico dal Novecento ad oggi

 

• Venerdì 27 novembre – ore 18

Alessandra Lavagnino, La nascita della letteratura cinese moderna e l’orma dell’Occidente

 

• Venerdì 4 dicembre – ore 18

Marco Del Bene, Quale Oriente? Quale Occidente? Centocinquanta anni di intrecci storici e culturali fra Italia e Giappone

 

• Venerdì 11 dicembre – ore 18

Alessandro Russo, Rivoluzione culturale e Hong Kong: due labirinti cinesi

 

• Martedì 15 dicembre – ore 18

Stefania Stafutti, La letteratura cinese: temi, correnti e protagonisti

 

• Venerdì 18 dicembre – ore 18

Fabrizio Sandretto, Il racconto orale giapponese (con esempi di musica tradizionale)

 

OccidenteVersoOriente_programma.png

 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'arte xilografica si è sviluppata in modo particolare nella tarda dinastia Ming (1369-1644) grazie al progresso delle tecniche di stampa, assumendo tratti caratteristici e differenti in Cina e Giappone.

 

5f3341afa3108348fce42423.jpeg

5f3341afa3108348fce4242a.jpeg

 

In Cina la xilografia ha dato origine alla stampa “nianhua”, o “dipinti di capodanno”, un particolare tipo di stampa colorata usata principalmente per le decorazioni del Capodanno Cinese. In Giappone la tecnica xilografica prende invece il nome di ukiyo-e, o “immagine del mondo fluttuante” ed è una forma di stampa su carta, dove le immagini sono impresse con matrici di legno.

 

5f3341afa3108348fce4244f.jpeg

5f3341afa3108348fce4245c.jpeg

 

La mostra “Woodblock Prints in Distincitve Lands” aperta a Pechino fino al 15 ottobre esamina le differenze e le somiglianze tra le due forme di xilografia.

 

5f3341afa3108348fce42465.jpeg

5f3341afa3108348fce4246c.jpeg

 

La mostra espone 138 esemplari, tra stampe nianhua e ukiyo-e. Le stampe nianhua provengono da alcuni dei più noti centri di produzione della Cina, come la città di Yangliuqing nella periferia di Tianjin, il sotto-distretto di Taohuawu del distretto di Suzhou, la provincia di Jiangsu e la città di Mianzhu della provincia di Sichuan, mentre per la parte Giapponese le opere presentate includono lavori di Hishikawa Moronobu, il primo maestro ukiyo-e, e di Katsushika Hokusai, famoso per la sua opera “La Grande Onda di Kanagawa”.

 

Pagina 1 di 2

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android