Zhang Lijia, 25 anni, è l'artista e vlogger che ha ipnotizzato oltre 6 milioni di follower su TikTok. La maggior parte delle sue opere sono murales per la decorazione della casa e dell'ufficio raffiguranti cineserie classiche, come paesaggi con splendide montagne e fiumi, fiori di loto vivaci, cervi e pavoni. A volte dipinge ritratti e cartoni animati commissionati dai suoi clienti.

 

Progettare un'intelligenza artificiale che dipinga quadri che gli spettatori attribuiscano a pittori umani: è l'obiettivo su cui stanno lavorando molti ricercatori avvalendosi del GAN.

 

Il GAN - Generative Adversarial Networks è un framework di apprendimento automatico, impiegato per trasformare le fotografie in dipinti; esso è capace inoltre di produrre opere artistiche non originali.

 

Chinese-landscape-painting-GAN.jpg

 

Nonostante il fatto che alcuni di questi quadri siano stati venduti all'asta, essi si basano su input come schizzi e bozze preparate da esseri umani. Le cose però potrebbero presto cambiare.

 

Grazie ad una versione avanzata del Gan la studentessa di Princeton Alice Xue ha sviluppato una IA in grado di dipingere un paesaggio cinese originale, che a detta di molti non sembra essere stato prodotto da una macchina.

 

Xue ha alimentato il GAN con 2.192 quadri di paesaggi tradizionali cinesi raccolti da musei d'arte, ed ha sviluppato un algoritmo che ha prodotto dipinti originali, successivamente sottoposti al test di Visual Turing.

 

Chinese-landscape-painting-GAN 2.jpg

 

Il test ha coinvolto 242 partecipanti a cui è stato chiesto se pensavano che il paesaggio fosse stato realizzato da una persona o da un computer e quanto fossero certi in una scala da uno a dieci: i dipinti generati dall'IA sono stati attribuiti ad un essere umano il 55% delle volte.

 

dn-12.5.jpg

 

La ricerca rappresenta un notevole progresso negli studi del settore. Xue è stata la prima ad addestrare la macchina con dipinti della cultura cinese, che ha elementi peculiari diversi da quelli occidentali, ed ha sviluppato un algoritmo capace di realizzare opere originali in tutto e per tutto. La sua IA non richiede l'ausilio di modelli preparatori, ma crea autonomamente schizzi delle montagne e dei fiumi del paesaggio finale. La qualità è tale da convincere più della metà degli osservatori: una prospettiva che apre la strada a sviluppi interessanti ed imprevedibili.

La thangka è una arte buddista che consiste nel realizzare dipinti su rotoli.

 

5f6da792a31024adbd965962.jpeg

 

Molto diffusa nella contea di Gojo, nella regione autonoma del Tibet, questa branca dell'arte popolare è stata tramandate per più di 300 anni senza grandi cambiamenti: essa è infatti profondamente legata alla cultura ed al credo religioso, e gli artisti solitamente si astengono dall'introdurre aggiornamenti moderni per rispetto.

 

5f6da792a31024adbd96596b.jpeg

 

Tuttavia negli ultimi tempi le cose stanno cambiando, ed alcuni maestri stanno iniziando a vedere questa arte come una fonte di reddito, cercando un compromesso che ne conservi l'anima e al tempo stessa la faccia conoscere fuori dai confini della contea, anche al fine di preservarla e trasmetterla alle generazioni future.

 

5f6da792a31024adbd96596e.jpeg

 

Il risultato di questo impegno sono state sette grandi thangka con elementi moderni, alle quali hanno lavorato undici maestri: questi dipinti presentano contenuti non tradizionali, come ad esempio la piazza Tian'anmen di Pechino, un gigantesco ritratto raffigurante 56 gruppi etnici cinesi e storie di persone che combattono il COVID-19.

Per la civiltà cinese il Fiume Giallo ha una importanza grandissima, che va oltre l'aspetto naturalistico per diventare un simbolo culturale e spirituale. Questo non ha impedito che anch'esso fosse vittima dell'inquinamento causato dallo sviluppo industriale, a cui da tempo le autorità stanno tentando di mettere un freno.

 

903bec4e-cb60-4e4b-823a-812e31ea54d3.jpg

 

Tra le iniziative messe in campo c'è anche la mostra "The Endless Life: The Narrative of the Yellow River" presso il Museo di Arte Contemporanea di Yinchuan, nella regione autonoma di Ningxia Hui.

 

e89d9250-c9f2-424c-9f2c-1ff141f99255.jpg

 

La mostra riunisce circa 70 artisti le cui opere affrontano la diversità dei paesaggi naturali e culturali del Fiume Giallo, al fine di sensibilizzare i visitatori sull'importanza della sua protezione.

 

La mostra ha aperto il 28 settembre e durerà fino al 31 gennaio 2021.

Pagina 1 di 2

Contattaci

Viale della Repubblica, 298
Prato, PO 59100
ITALY
0574 1595523
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.radioitaliacina.com
  • SPERIMENTARE - AMARE - INTERAGIRE

     
    appstore icon apple android icon android