Radio Italia Cina

Celebrazione di Marco Polo: La Mostra di Wu Weishan all’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze

di Redazione pubblicato il 9 Luglio 2024

La storica figura di Marco Polo torna a vivere attraverso l’arte di Wu Weishan, celebre scultore cinese, con la mostra intitolata “Marco Polo in Cina”. L’evento, curato da Antonio Di Tommaso e ideato da Qiu Yi 邱艺, inaugurerà il 9 luglio 2024 alle 17.30 presso il Salone delle Esposizioni dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze, situato in Via Ricaoli, 68. La mostra sarà aperta al pubblico dal 10 al 28 luglio 2024.

Organizzata dall’Accademia delle Arti del Disegno e promossa dall’Associazione di Arte e Cultura Contemporanea Cina e Italia, la mostra ha ottenuto il patrocinio del Comune di Firenze, Regione Toscana, Città metropolitana di Firenze e del Consolato Generale della Repubblica Popolare Cinese a Firenze.

Wu Weishan 吴为山, una figura di spicco nell’arte contemporanea cinese, rappresenta Marco Polo come viaggiatore a cavallo. Questa scelta simboleggia il ruolo cruciale che il viaggiatore veneziano ebbe alla corte imperiale della Dinastia Yuan e nei rapporti di scambio tra la cultura cinese e quella occidentale. Wu Weishan, direttore del Museo Nazionale dell’Arte della Cina, espone una fusione in bronzo di Marco Polo a cavallo, insieme ad altre sculture e pitture ad inchiostro su carta di riso, celebrando il settimo centenario della morte di Marco Polo.

Antonio Di Tommaso, Presidente della classe di scultura dell’Accademia delle Arti del Disegno e curatore della mostra, ha sottolineato come l’artista possieda una rara capacità di comprendere sia la scultura classica cinese che quella europea, trovando nelle opere dei grandi maestri orientali e occidentali i segreti e la sostanza poetica più intima.

Cristina Acidini, Presidente dell’Accademia delle Arti del Disegno, evidenzia nelle opere pittoriche di Wu Weishan la tradizionale calligrafia cinese reinterpretata in maniera originale e innovativa. Anche chi non conosce il cinese può apprezzare l’armonia e la raffinatezza delle opere, attraverso i rapporti proporzionali tra ideogrammi e figure.

Qiu Yi 邱艺, ideatore e organizzatore della mostra, descrive la sensibilità umanistica e la fierezza della nazione cinese espresse nelle opere di Wu Weishan. Queste sculture riflettono lo spirito della “Xie Yi” cinese, esprimendo la complementarità di luci e ombre dell’arte occidentale, insieme alla filosofia orientale dell'”unità tra cielo e uomo”.

Giandomenico Semeraro, nel suo testo critico, sottolinea come Firenze, storicamente legata al commercio e agli scambi culturali, divenga un luogo centrale di confluenza artistica grazie alle opere di Wu Weishan. La mostra rende visibile questa connessione storica e culturale, ribadendo la libertà di movimento e scambio che l’arte rappresenta poeticamente.

Le sculture di Wu Weishan sono state presentate per la prima volta in Italia nel 2012 a Palazzo Venezia, Roma, con la mostra “Scolpire l’anima di una nazione”. La sua presenza in Italia è stata ulteriormente consolidata da soggiorni a Firenze nel 2019 e 2020, durante i quali ha donato significative opere all’Accademia delle Arti del Disegno e al Comune di Vinci.

Wu Weishan è un artista di fama internazionale, riconosciuto per i suoi contributi straordinari alla scultura. Ha fondato la teoria della “Scultura a mano libera” e ha creato quasi 600 opere, tra cui la scultura di Marx in Germania e quella di Confucio e Socrate in Grecia. La sua mostra a Firenze rappresenta un’importante celebrazione della storica figura di Marco Polo e delle relazioni centenarie tra Cina e Italia.

Per maggiori informazioni, visitare il sito www.aaccci.it o contattare via e-mail arteartecinaitalia@gmail.com.

Right Menu Icon
Send this to a friend