Radio Italia Cina

L’inarrestabile ascesa della gig economy cinese

di Redazione pubblicato il 25 Luglio 2022

Se vivi in Cina, hai quasi sicuramente avuto qualche interazione, per quanto breve e impersonale, con uno dei tanti lavoratori della gig economy del paese. I gig job - caratterizzati tra l'altro da flessibilità, freelance e contratti a breve termine o "ore zero" - sono cresciuti rapidamente nel Regno di Mezzo negli ultimi anni. E, secondo molte indicazioni, la gig economy cinese non sta andando via. Semmai, si espanderà.

I gig job attraggono coloro che appartengono all’intero spettro dei lavoratori, da quelli non qualificati a quelli con un’istruzione universitaria.

Secondo AliResearch, il braccio di ricerca del colosso tecnologico cinese Ali Baba, ci saranno circa 400 milioni di lavoratori freelance nell’economia cinese entro il 2036, come riportato da Global Times, e come tante tendenze al giorno d’oggi, anche della gig economy non si può parlare senza fare riferimenti al COVID-19.

McKinsey Global Institute è il braccio di ricerca della società di consulenza globale McKinsey & Company con sede negli Stati Uniti. Nel febbraio 2021 hanno pubblicato un rapporto intitolato “Il futuro del lavoro dopo il COVID-19”.

Il rapporto afferma quanto segue per quanto riguarda l’impatto del COVID-19 sulle tendenze occupazionali:

“La pandemia ha accelerato le tendenze esistenti nel lavoro a distanza, nell’e-commerce e nell’automazione, con fino al 25% in più di lavoratori rispetto a quanto stimato in precedenza che potenzialmente necessitano di cambiare lavoro”.

La crescita dell’e-commerce nella Cina post-pandemia è particolarmente evidente, con il rapporto che rileva una crescita di 1,6 punti percentuali come quota anno su anno del totale delle vendite al dettaglio.

I gig job sono alimentati dalla convenienza e da ciò che alcuni potrebbero chiamare “economia pigra”, e sebbene molti siano diffusi a livello globale, alcuni sono tipicamente cinesi. È il caso di servizi come il line stander, o il noleggio fidanzati e fidanzate.

Il line stander è un altro lavoro guidato dalla comodità e forse dalla pigrizia. Le persone che non vogliono essere disturbate o che non hanno il tempo di aspettare in fila ora possono pagare gli altri per svolgere quel compito per loro.

UU跑腿 (UU Paotui) è una delle piattaforme leader che offre servizi di attesa del posto, tra le altre cose. Facendo clic sulla sezione in piedi dell’app è possibile scegliere chi faccia la fila al posto tuo per eventi, attese in banca, ristoranti, ospedali, negozi famosi e altro ancora.

Un’altra tendenza che sembra essere popolare nel periodo delle vacanze del Festival di Primavera cinese è il noleggio di fidanzati. Giovani uomini e donne, sotto pressione dalle richieste dei familiari di sposarsi, sono ansiosi di presentare una fidanzata o un fidanzato alle loro famiglie.

China Daily ha riportato la tendenza nel 2017, rilevando che le giovani donne single sono particolarmente propense ad affittare un fidanzato.

Ma attenzione! Ti costerà. La tariffa corrente può arrivare fino a 1.500 RMB al giorno.

Che sia amata o detestata, la gig economy cinese è qui per restare e si prevede che crescerà nei prossimi anni e persino decenni.

È probabile che i gig job continuino a impiegare un ampio spettro di lavoratori, dai non qualificati che vedono i vantaggi finanziari ai laureati che amano la flessibilità e la libertà da un rigido programma di lavoro in ufficio.

È anche chiaro che i gig job possono essere creati come risultato di varie e complicate tendenze socio-economiche. Asporto Waimai, consegne espresse e attesa in fila sono tutti a portata di tocco su uno smartphone. Sono indicativi di una cultura della convenienza o addirittura, se sei un cinico, della pigrizia.

Tuttavia, pagare per assumere fidanzate o fidanzati deriva da un insieme più complicato di tendenze culturali di nicchia.

Con la crescita del numero dei gig worker, potrebbe accadere che più lavoratori richiedano una retribuzione e condizioni migliori. Questo è già stato il caso delle grandi piattaforme waimai che hanno introdotto nuove misure di sicurezza per i loro lavoratori e offrono un trattamento migliore per i ristoranti che utilizzano le loro piattaforme.

Lexus - BiAuto
Unicoop Firenze
Kaleya
Barberino Designer Outlet
I Gigli
Scalo MIlano
Tech Corner
Flash News
Twitter

Più di 100 miliardi di pacchi sono partiti in #Cina quest'anno, prova della resilienza del settore nonostante i focolai di #COVID19, poiché i vettori si sforzano di mantenere il flusso di merci per soddisfare le richieste, afferma l'Ufficio statale delle poste. #radioitaliacina

#Cina, circa 10.000 lavoratori sono tornati da #lunedì al più grande impianto di assemblaggio di #iPhone di #Apple a #Zhengzhou, nella provincia di #Henan, e altri stanno arrivando, ha detto ieri #Foxconn. #radioitaliacina

#Chengdu, le immagini di un #leopardo delle nevi sono state catturate da due telecamere a infrarossi nell'area di #Wenchuan del Parco Nazionale del Panda Gigante nella provincia del #Sichuan, nel sud-ovest della #Cina. #radioitaliacina

Load More
-->
Right Menu Icon
Send this to a friend