Radio Italia Cina

La transizione energetica è l’obiettivo del piano quinquennale per l’energia della Cina

di Redazione pubblicato il 21 Luglio 2022

Alla fine di marzo, la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma e l'Amministrazione nazionale per l'energia hanno pubblicato congiuntamente il "14° piano quinquennale per un sistema energetico moderno", che descrive in dettaglio i piani per il settore energetico cinese fino al 2025.

Il titolo è nuovo. Dal 2006, anno in cui è stato emanato il primo Piano quinquennale (FYP) per il settore energetico, questi documenti sono stati denominati “piani di sviluppo energetico”. L’attenzione su un “sistema energetico moderno” riflette gli obiettivi particolari per il periodo attuale: un cambiamento di sistema in grado di accogliere la transizione energetica.

Vale la pena ricordare che il documento è datato 29 gennaio, prima dell’invasione russa dell’Ucraina. Il ridisegno delle mappe energetiche che la guerra ha portato potrebbe non essere arrivato abbastanza presto per avere alcuna influenza. Ma la scarsità di carbone ed elettricità dello scorso autunno aveva già reso la sicurezza energetica un’ovvia preoccupazione per la leadership cinese. Segnali di questa priorità sono stati visti negli incontri delle Due Sessioni all’inizio di marzo.

L’analisi di apertura del piano afferma che questo è un periodo critico per garantire la sicurezza energetica della Cina, con rischi vecchi e nuovi che si sovrappongono. Giudica il 14° periodo FYP (2021-2025) importante per gettare le basi su cui la Cina possa raggiungere i suoi obiettivi di doppia carbonio, di picco prima del 2030 e neutralità prima del 2060. La transizione verso le basse emissioni di carbonio deve essere coordinata con forniture garantite, cercando una possibile espansione su larga scala delle energie rinnovabili, ed evitando al contempo riduzioni delle emissioni “in stile campagna” o tagli indiscriminati sul consumo di energia.

La transizione energetica è un compito urgente, ma di per sé comporta rischi di carenza di approvvigionamento. Sono necessarie riforme del sistema energetico per evitare questi rischi. Tuttavia, questo processo non solo richiederà tempo, ma dipenderà anche in qualche modo dal canto del cigno dei combustibili fossili. Quella tensione è evidente nel piano.

Detto questo, il piano omette obiettivi ambiziosi per lo sviluppo delle energie rinnovabili, con il carbone e l’energia a carbone destinati a garantire la sicurezza energetica. Sembra che le catene dell’energia a carbone si stiano allentando. La guerra in Ucraina ha solo accentuato questa tensione, provocando un aumento dei prezzi dei combustibili fossili.

“Il fiume Giallo scorre verso il mare, ma gira e torce sulla sua strada”, ha affermato il dottor Yang Fuqiang, consulente senior del Programma sui cambiamenti climatici e la transizione energetica (CCETP) presso l’Istituto di energia dell’Università di Pechino. L’analogia esprime che sebbene forze interne ed esterne abbiano spinto la Cina a concentrarsi sulla stabilità, la transizione energetica continuerà comunque.

 

Camminare sui carboni ardenti

Il nuovo piano energetico non ha obiettivi per l’eliminazione graduale del carbone. Rimuove i limiti al consumo totale di carbone e alla percentuale di carbone nel consumo di energia primaria, entrambi presenti nei precedenti FYP.

Nel frattempo, il documento sottolinea a lungo l’importanza della sicurezza energetica e il ruolo del carbone e dell’energia a carbone nel garantirla: il carbone deve fornire garanzie energetiche più forti, l’energia a carbone avrà un ruolo “di sostegno” e “l’uso pulito ed efficiente di carbone” va incoraggiato.

Da allora una riunione del Comitato permanente del Consiglio di Stato a fine aprile ha parlato di “sviluppare il ruolo del carbone come principale fonte di energia”. Nel frattempo, all’inizio di maggio, la People’s Bank of China ha aumentato di 100 miliardi di yuan (15 miliardi di dollari USA) la quota di rifinanziamento prevista per l’industria del carbone per sostenere la produzione di carbone e la capacità di riserva. Aggiungendo questi sviluppi al peso del piano energetico, ci sono preoccupazioni che il consumo di carbone e le emissioni di gas serra della Cina aumenteranno a breve termine e un mix energetico pesante sarà bloccato.

Il nuovo piano ha anche eliminato un tetto al consumo totale di energia. Questa mossa è considerata in linea con un annuncio del Consiglio di Stato secondo cui il consumo di energia rinnovabile appena aggiunto non verrà conteggiato per il consumo di energia e gli obiettivi di intensità per il governo locale, in modo da consentire più possibilità di crescita delle rinnovabili. Il piano aumenta anche la percentuale obiettivo per le fonti di alimentazione flessibili (al 24%) e le capacità di risposta alla domanda (per coprire tra il 3% e il 5% del carico massimo).

Queste misure dovrebbero conferire al sistema elettrico maggiore flessibilità e resilienza di cui ha bisogno per assorbire più energia rinnovabile. Inoltre pone fine ai limiti massimi per il consumo di carbone per kilowattora, interpretato ancora una volta come la preparazione della strada per il rimontaggio dei generatori di energia a carbone, in modo che possano fornire servizi di regolazione dei picchi per l’energia rinnovabile. (Il rapido aumento e decremento della produzione per rispondere ai picchi di domanda si traduce in un maggiore consumo di carbone per unità di elettricità.)

Esperti del settore energetico hanno affermato che il contenuto del piano è di ampio respiro ma manca di una direzione generale e di obiettivi quantitativi forti e invia vari segnali contrastanti. Questa mancanza di chiarezza, hanno affermato, deriva dai tentativi del governo di trovare un equilibrio tra garantire la sicurezza dell’approvvigionamento a breve termine e gettare le basi per la transizione a lungo termine.

Lexus - BiAuto
Unicoop Firenze
Kaleya
Barberino Designer Outlet
I Gigli
Scalo MIlano
Tech Corner
Flash News
Twitter

La tecnica di frittura del tè Duyun Maojian, una varietà di tè verde proveniente dalla città di #Duyun nella provincia di #Guizhou, nel sud-ovest della #Cina, è entrata a far parte del patrimonio culturale dell'#UNESCO. #radioitaliacina

#Cina, diverse città e province hanno recentemente ottimizzato le misure di controllo del #COVID19 relative ai test di massa dell'acido nucleico e ai servizi medici per ridurre al minimo l'impatto sulle persone e sull'attività economica. #radioitaliacina

#Cina, con le misure di sostegno emesse dalle autorità di regolamentazione finanziaria a #novembre, si prevede che il #mercato #immobiliare svolterà nel 2023 mentre la #ripresa continua a procedere, hanno affermato gli esperti del settore. #radioitaliacina

Load More
-->
Right Menu Icon
Send this to a friend