Radio Italia Cina

La Cina sta progettando un ritorno all’economia pianificata?

di letizia.tasselli@helter.it pubblicato il 9 Maggio 2022

Il 10 aprile, il Comitato Centrale del Partito Comunista Cinese e il Consiglio di Stato hanno pubblicato congiuntamente un documento intitolato "Opinioni sull'accelerazione della costruzione del mercato unificato nazionale".

Qualsiasi documento che porti il sigillo di due degli organismi più potenti della Cina tende ad attirare l’attenzione del pubblico, ma è stato il termine “mercato unificato nazionale” che ha davvero portato gli analisti a dibattere sulla domanda: la Cina stava progettando un ritorno all’economia pianificata?

In apparenza, potrebbe sembrare un salto di logica. Nel contesto, è più comprensibile.

Nelle ultime settimane, mentre alcune delle più grandi città della Cina combattono le epidemie di COVID-19, quasi tutti hanno sentito la morsa dell’interferenza del governo nella loro vita quotidiana. In questo contesto, la tempistica dell’annuncio è parsa particolarmente significativa. Forse il governo centrale intendeva prendere una mano più ferma, non solo sul controllo delle malattie in sé, ma anche sul mercato.

Ad aumentare la confusione, è stato l’uso della parola cinese per “unificato”, tongyi.
Tongyi ha connotazioni diverse a seconda della prospettiva. Usato nella frase “mercato unificato nazionale”, il termine si riferisce ad “integrazione”. Invece posizionato accanto a parole come “nazionale” e “mercato”, potrebbe evocare immagini del governo che implementa con la forza un approccio, valido per tutti, alla regolamentazione ed al controllo a livello nazionale.

Tuttavia, non è necessariamente così. Anzi, le “Opinioni” potrebbero avere l’effetto opposto.

Che cos’è un’economia pianificata? È un sistema economico in cui la produzione, l’allocazione delle risorse e il consumo di beni sono tutti pianificati in anticipo.

La copertura in lingua inglese delle “Opinioni” si è concentrata sugli sforzi del governo centrale per abbattere il protezionismo locale e la segmentazione del mercato regionale, entrambi effetti collaterali dell’ingerenza del governo. Ma c’è un altro esempio, meno ovvio, delle tendenze di mercato della nuova politica: il lavoro.

Il governo centrale cinese ha passato gli ultimi anni a tentare di migliorare quella che definisce “circolazione interna”; cioè la libera circolazione delle merci su un mercato delle merci veramente nazionale. Un punto critico chiave per raggiungere la circolazione interna è il mantenimento dei limiti all’allocazione sul mercato dei fattori di produzione, molti dei quali risalgono ai giorni dell’economia pianificata del paese.

Alcuni, come la suddetta segmentazione del mercato, sono il risultato del protezionismo locale, poiché i governi favoriscono le imprese locali a scapito di imprese più efficienti al di fuori delle loro giurisdizioni. Ancora più urgente, tuttavia, è la difficoltà che il lavoro deve affrontare nel fluire tra le regioni, e soprattutto verso le grandi città.

La società cinese contemporanea è caratterizzata da un invecchiamento della popolazione e da un tasso di natalità in calo. Con il progredire di questa tendenza demografica, l’offerta totale di lavoro continuerà a diminuire.

Ciò rende l’impiego efficiente delle risorse di lavoro sempre più fondamentale per lo sviluppo economico del paese, ma i lavoratori rimangono vincolati dalle politiche formulate per la prima volta durante il periodo dell’economia pianificata, in particolare il sistema di registrazione delle famiglie hukou, che vincola il loro accesso ai servizi sociali alla loro residenza ufficialmente registrata.

Le restrizioni tradizionali alla circolazione dei lavoratori, sebbene forse vantaggiose per i governi locali e le imprese protezionistiche, ostacolano i flussi di lavoro nelle regioni e nelle industrie ad alta domanda. Sebbene il sistema hukou sia stato allentato negli ultimi anni, le grandi città continuano ad applicare restrizioni e il sistema di sicurezza sociale rimane un mosaico regionale.

Andando avanti, la Cina dovrebbe consentire ai lavoratori di muoversi liberamente e il recente documento “Opinions”, con il suo esplicito appello a “stimolare il flusso di manodopera e talenti attraverso le linee regionali”, suggerisce che il governo è sempre più consapevole di questo fatto.

Se la manodopera è autorizzata a muoversi liberamente, si concentrerà naturalmente nelle aree più sviluppate economicamente, come le regioni costiere e le città più grandi, dove promuoverà economie di scala e genererà una maggiore produttività.

Per quanto riguarda le regioni che i lavoratori lasciano indietro, l’industria si sposterà probabilmente verso l’agricoltura, il turismo e le risorse naturali. Una divisione del lavoro si formerà gradualmente in tutto il paese, con ciascuna area che svilupperà le industrie locali in base ai suoi vantaggi comparativi.

Unicoop Firenze
Kaleya
Barberino Designer Outlet
Tech Corner
Flash News
Twitter

Barberino Designer Outlet 推出了一个微信群,您可以在其中找到特别折扣和专门的促销活动、有关中心的信息、倡议等等。 今天报名!

Il numero di operatori sanitari in #Cina è cresciuto a un tasso medio annuo del 5% tra il 2016 e il 2020, per raggiungere quasi 14 milioni alla fine dello scorso anno, ha affermato la Commissione sanitaria nazionale. #radioitaliacina

Load More
-->
Right Menu Icon
Send this to a friend